Anche la Siria nuovamente sotto attacco da parte degli usa!

usa guerra

Gli stati Uniti partono nuovamente alla carica in Siria. Oramai non sanno più dove battere la testa.

Un colpo in Venezuela, minacciato proprio in questi ultimi giorni, di intervento militare nemmeno troppo velato, e un colpo in Siria dove hanno ribadito che Bashar Al-Assad deve andar via, accusandolo di autoritarismo e crudeltà nei confronti del proprio popolo. Come abbiamo ben visto i terroristi in Siria, Ucraina, Libia, Iraq ecc… sono foraggiati dagli Stati Uniti stessi, che cercano in tutti i modi di destabilizzare vaste aree del mondo per accaparrarsi le risorse di quei paesi che fino ad oggi non sono stati loro servitori.

I siriani sono con il presidente Bashar Al-Assad, e l’hanno ampiamente dimostrato. Chi combatte oggi sono semplicemente degli balordi al servizio sion-americano.

Ecco le dichiarazioni della portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, Jen Psaki:

“Come abbiamo detto per molto tempo, Assad deve andare” – “Negli ultimi quattro anni, il presidente siriano ha risposto a ordini di libertà e riforme dei siriani con implacabile brutalità, autoritarismo e distruzione” – “L’uscita di Bashar Al-Assad è una condizione per la stabilizzazione completa della Siria” – “I siriani lottano coraggiosamente contro la tirannia e per un futuro di rispetto dei diritti fondamentali, la tolleranza e la prosperità”

Dichiarazioni basati solo sulla bugia. E’ risaputo che questi balordi sono dei bugiardi spietati, cui interessa solo accaparrarsi le risorse dei paesi e sottometterli.

Chi sono gli Stati Uniti per decidere se un presidente deve essere deposto o meno?

I siriani sono con il presidente Bashar Al-Assad, e l’hanno ampiamente dimostrato. Chi combatte oggi sono semplicemente degli balordi al servizio sion-americano.