Italia, un paese in cui lo stato perseguita il cittadino!

stato assassino

Nella puntata del 12.03.2015 de “le iene” è andato in onda un servizio di Luigi Pelazza dal titolo: “distrutto dall’amico e dal fisco“. E’ evidente che siamo un paese dove lo Stato perseguita il cittadino per distruggergli la vita. Basta vedere quante migliaia di persone dall’inizio della crisi si son suicidate.

Addirittura con sentenza di un tribunale in mano, dove si condanna il commercialista per non aver pagato i debiti dei suoi clienti, nonostante avesse incassato le somme, equitalia mette all’asta l’abitazione di persone oneste che sono state truffate. Tra l’altro è da associazione a delinquere chiedere di pagare oltre 200.000 € (duecentomila euro) a fronte di un debito di 70.000 €. Questi agli usurai gli fanno un baffo!

Di norma lo Stato, ha tutto l’interesse nel mantenere il proprio cittadino in condizione di fargli pagare le tasse. In questo paese è proprio il contrario. Lo stato perseguita il cittadino pignorandogli tutto, lasciandolo in mezzo ad una strada.

NO TASSE NO STATO! Forse chi ci governa non l’ha ancora capito. Difatti il debito pubblico con il passare delle settimane e dei mesi non fa altro che aumentare. Addirittura da dicembre 2014 a gennaio 2015 il debito è aumentato di ben 31.000.000.000 di euro. Di questo passo, con milioni di disoccupati e persone strangolate dalla crisi e perseguitate dallo Stato italiano, il debito potrà solo che aumentare, perché ne entrano molti molti di meno.

E’ come se l’usuraio ammazzasse la persona cui ha prestato i soldi solamente perché ha saltato qualche rata per x motivo. Ammazzarlo l’usuraio non risolverebbe un bel niente, anzi aggraverebbe la sua posizione, perché perderebbe i soldi prestati. Quindi ha tutto l’interesse di mantenerlo in vita affinché gli restituisca il debito, più gli interessi, contratto illegalmente.

Invece lo Stato fa proprio il contrario, distrugge la vita di migliaia di famiglie senza incassare il debito. Dei geni!

Da notare nel servizio l’atteggiamento dei dirigenti di equitalia che non hanno il coraggio di affrontare una discussione. Sono spietatissimi, ma non hanno il coraggio di guardare in faccia il debitore. Questi sono degli assassini!

All’estero lo Stato non ti priva di tutto come qui in Italia. Anzi ti aiuta se hai difficoltà.

Questo è un paese dove i ladri sguazzano e le persone oneste vengono suicidate.

Assassini!

Ecco il servizio de “le iene”

http://www.iene.mediaset.it/puntate/2015/03/12/pelazza-distrutto-dall%E2%80%99amico-e-dal-fisco_9292.shtml