Burkini si, Burkini no. Come sviare l’attenzione degli Europei dai disastri causati in Medio Oriente!!

burkini

di Federico Pieraccini

BURKINI SI, BURKINI NO. DIBATTITO SURREALE.

Il problema è la diffusione del Wahabismo come modello di Islam. E’ incompatibile con i valori base di qualunque civiltà. Religiosa o meno non importa.

Certo, Assad, Gheddafi e altri lo sapevano benissimo, infatti schiacciavano questi ratti con tutta l’energia necessaria.

Ad un certo punto però USA&UE hanno iniziato a definire questi estremisti radicali dei poveri cittadini inermi, armandoli fino ai denti, glorificandoli come eroi e utilizzandoli per fini prettamente geopolitici.

Ora, sei anni dopo, tra Burikini e Moschee finanziate da Riad, Doha ed Ankara qualcuno inizia a capire gli effetti collaterali:

1. Assad e Gheddafi avevano ragione. Troppo tardi.
2. Il peggiore Islam esistente (che secondo alcuni non è nemmeno Islam) è quello Wahabita. Troppo tardi.
3. La diffusione del Wahabismo in Europa crea solo problemi. Troppo tardi.
4. La distruzione del Medio Oriente e del Nord Africa creerà caos e disordine nel vecchio continente. Troppo tardi.
5. Appoggiare il terrorismo per finalità politiche si ritorcerà contro. Troppo tardi.

Se ancora non si fosse capito, discussioni come Burkini si, Burkini no e quanto il terrorismo stia influendo sulle nostre vite, saranno argomenti sempre più attuali e presenti in questa Europa.

Come sempre in queste situazioni, eravamo di fronte ad una scelta ben precisa qualche anno fa: Dialogare con il giusto interprete dell’Islam moderato oppure abbandonarci tra le braccia dei peggiori criminali al mondo.

Ovviamente abbiamo scelto la seconda opzione, operando totalmente contro i nostri interessi:

– Precluso un interessante dialogo commerciale con l’Iran e altre nazioni della medesima zona geografica (sanzioni).

– Favorito la distruzione di una mezza dozzina di nazioni in Medio Oriente e in Nord Africa causando una crisi umanitaria senza precedenti.

– Costretto milioni di persone a lasciare le proprie case e spesso la propria nazione.

– Avviato flussi migratori ingestibili per quantità e provenienza, scatenando reazioni di ogni genere dalle popolazioni locali già vessate per altri mille motivi.

Potevamo essere parte integrante del progetto eurasiatico con Iran, Russia e Cina, Potevamo combattere realmente il terrorismo islamico radicale, Potevamo finalmente migliorare le condizioni di vita dei poveracci vessati da trent’anni in medio oriente, Potevamo aiutare le nostre stesse economie europee diroccate….Invece no!

Abbiamo scelto di trincerarci dietro al peso della dipendenza e della sudditanza nei confronti degli Stati Uniti trasformando l’Europa nel vaso di coccio tra i due vasi di ferro (USA – Russia/Cina), con un medio oriente e un Nord Africa completamente nel caos.

E poi stiamo qua a parlare di Burkini si, Burkini no.

Dibattito surreale, esattamente come le scelte Europee.

Tra l’altro sulle monache nessuno si scandalizza… MANIPOLAZIONE MENTALE