Italia

Mentre i Triestini si trastullano in una guerra tra poveri, i Cinesi hanno messo le mani sul Porto Franco!

via-della-seta

Mentre i Triestini lottano per un posto da prima donna, per auto-nominarsi governatore del Territorio Libero di Trieste, denigrarsi a vicenda e altre PUTTANATE, i cinesi passano ai fatti e puntano ad impossessarsi del Porto Franco di Trieste per farne il crocevia per l’Europa nel mega progetto “La Nuova Via della Seta”. 

“Delegazioni cinesi stanno già trattando per il Porto di Trieste, alcuni accordi sono già stati firmati”

Yan Qilong, della Join Holding Group:

Trieste è la porta d’accesso per la Cina in Europa. Abbiamo scelto questo luogo per l’opportunità e i vantaggi che offre in quanto Porto Franco. Grazie a questo status vengono riconosciuti vantaggi fiscali e doganali non paragonabili ad altri porti europei”.

Zeno D’Agostino, Presidente Autorità Portuale Adriatico Orientale:

“Nel Porto di Trieste, e nelle zone franche afferenti al Porto di Trieste, si possono fare non solo attività di logistica e attività terminalistica portuale, ma anche attività industriale. E questo è un elemento che si può fare solo nel Porto di Trieste, in tutta Europa” 

Come dargli torto all’amico Lorenzo Gentile, triestino a Londra, che, letteralmente, s’imbufalisce con l’inerte cittadinanza triestina cercando in tutti i modi di stimolarla affinché si attivi per la rinascita della città, una volta fiore all’occhiello d’Europa e del Mondo, fornendo quotidianamente, grazie alla sua attuale esperienza nel Regno Unito, testimonianze che altrove i progetti vengono portati a termine facendo crescere occupazione e benessere. Da noi a crescere è la DISOCCUPAZIONE e conseguentemente il disagio sociale!

Una città, ma anche il paese Italia, oramai in ginocchio a causa di un’ingorda e maledetta politica italiana che grazie all’ausilio di un popolo menefreghista, egoista e stupido, sia destinato alla fame completa!

Annunci