Italia

Trieste, MIGRANTI: dopo atto violento su 18enne la gente inizia a rompersi i COGLIONI!

Trieste, in Via dell’Istria nr. 69, vicino l’Ospedale “Burlo Garofolo”, si trova l’Hotel Villa Nazareth, che da diversi mesi è stra-pieno di migranti. Più avanti al civico 73 si trova pure la mensa della Caritas. Quindi la situazione è davvero molto complicata. Nelle vicinanze l’altra sera, c’è stato un tentativo di violenza su di una ragazza 18enne che è stata aggredita da 3 migranti. Fortuna per lei che è riuscita a divincolarsi e raggiungere casa indenne. Ma la paura è stata molto forte.

TRIESTE: 18enne circondata e presa per i polsi da tre profughi che tentano violenza

Circondata da tre uomini e presa per i polsi nel tentativo di una violenza che per fortuna non si ha trovato compimento. Attimi di terrore per un ragazza, G.D. di 18 anni, in via dell’Istria: al rientro a casa, verso le 18.45, scesa alla fermata della linea 10 di Villa Nazareth, mentre risaliva la strada ha visto questi tre profughi (così li identifica) che prima cercano di spaventarla con un “buh” e poi la circondano.

La giovane, una volta presa per i polsi, ha trovato la forza di divincolarsi e scappare dai suoi assalitori riuscendo ad arrivare a casa con le braccia ancora doloranti e segnate dall’aggressione. Il padre – contattato dal consigliere comunale della Lega Nord Paolo Polidori che ha reso nota la notizia – ha spiegato che domani mattina la figlia di recherà in Questura a denunciare il fatto.

Il consigliere leghista si è poi sfogato su Facebook: «La rabbia che provo, come cittadino ma soprattutto come padre, è incontenibile, come quella del padre della ragazza che mi ha contattato! Ho poi parlato direttamente con lei, consigliandole di sporgere immediatamente denuncia, cosa che farà senz’altro domani mattina. Provo rabbia perché è intollerabile che questi criminali diventino sempre più sfrontati, sempre più arroganti. Provo rabbia perché i tanti maledetti buonisti che da sempre minimizzano su questi episodi, che già ci sono ma che troppo spesso vengono nascosti, hanno contribuito a creare le condizioni per questo schifo! Ora basta! Cosa aspettiamo, che veramente si arrivi a ciò che non voglio nemmeno pensare??!! Come sarà possibile ora, per questa ragazza ma per tante altre che si trovano in situazioni simili, scendere tranquillamente dall’autobus per andare a casa, o semplicemente passeggiare in certe zone di Trieste, non a notte fonda, ma durante il pomeriggio??!! Ho personalmente interessato dell’episodio il sindaco Dipiazza e il vicesindaco Roberti, che hanno manifestato tutta la loro preoccupazione su quanto accaduto. Sarà però mio personale impegno per far sì che si mettano in moto tutte le garanzie per la tutela dei nostri cittadini, di fronte a questo continuo degrado dovuto alla presenza di più di mille clandestini! Abbiamo di recente votato in Consiglio Comunale una mozione per dislocare l’esercito in zone sensibili: che ora il Prefetto dia risposte esaustive, e faccia mettere le Forze Armate, perché la gente non ce la fa più!».

Di seguito i residenti scesi in strada incazzati

Come si sente nel video, i migranti, protetti dalla polizia, deridono i residenti… La politica, in particolare i pidioti, nella persona il governatore di Trieste Anna Paola Porzio, alle rimostranze dei cittadini, ha assicurato che non c’era alcun pericolo. 

Ecco il racconto della madre della ragazza aggredita

Migranti Muggia Casa primavera, Aquilinia richiedenti asilo sindaco Laura Marzi, centro accoglienza „Immigrati accanto a scuola elementare, sindaco di Muggia: «Ho subito informato la popolazione»“

Migranti Muggia Casa primavera, Aquilinia richiedenti asilo sindaco Laura Marzi, centro accoglienza
„«Nel tardo pomeriggio di oggi sono stata chiamata dal 
Prefetto dott.ssa Annapaola Porzio la quale mi ha avvisato che, per rispondere ad un’emergenza, e assolutamente in via temporanea, è stata costretta a reperire dei posti provvisori per accogliere un piccolo gruppo di richiedenti asilo. Le è stata offerta disponibilità da parte della parrocchia di Aquilinia che metterà a disposizione gli ambienti adiacenti alla chiesa. Il Prefetto Porzio ha tenuto a sottolineare che questa soluzione, proprio per la sua precarietà, vista l’inadeguatezza dei suddetti spazi, è una soluzione provvisoria che verrà utilizzata per un paio di giorni. Per evitare che si creino allarmismi ingiustificati e alla luce dell’impegno che ho preso con la popolazione di fornire tempestive informazioni, qualora ci siano delle novità, ho pensato che fosse bene dare questa comunicazione».

Sale la tensione ad Aquilinia per i rifugiati in arrivo

Guarda cosa hanno il coraggio di scrivere queste merde

Tensione in via dell’Istria, Ics: «Clima di incitamento all’odio razziale»
L’Ics, il consorzio di solidarietà che accoglie i richiedenti asilo a Trieste, condanna quanto avvenuto ieri sera in via dell’Istria: «Solo la robusta presenza e la prontezza delle forze di polizia ha impedito che si verificassero gravissime conseguenze in termini di violenza fisica nei confronti degli stranieri che si recavano alla mensa stessa e di altri cittadini che si trovavano sul posto. Il clima di incitamento all’odio razziale e i connessi episodi di violenza stanno crescendo velocemente e Trieste, dietro una finta patina di normalità, sembra sprofondare nel suo peggiore passato del quale tutte le persone democratiche conservano un vivo e triste ricordo».

Tensione in via dell’Istria, Ics: «Clima di incitamento all’odio razziale» „Tensione in via dell’Istria, Ics: «Clima di incitamento all’odio razziale»“

La solita strategia criminale nell’accusare i residenti di odio razziale. Tentano di stuprare una ragazza e dobbiamo pure tacere, perché se parliamo, se ci lamentiamo siamo razzisti. Avete capito come funziona questa fogna di occidente e questa cultura del profitto? Dobbiamo subire altrimenti gli accusati siamo noi.  D’altronde cosa ci possiamo aspettare da chi gestisce questi migranti? Possono mai andare contro i loro SPORCHISSIMI interessi? E’ come chiedere ai mafiosi se la mafia esiste e se è una cosa brutta. O chiedere al macellaio se la carne faccia male, o al farmacista se i farmaci facciano male. Siamo alle solite. Il denaro dinnanzi a tutto. E noi paghiamo. Quindi gente o tiriamo fuori i coglioni o saran dolori per tutti. Chi presta il proprio lavoro in strutture che agiscono contro gli interessi collettivi è da ritenersi un CRIMINALE. Emarginate costoro e che i soldi guadagnati che vengano spesi tutti in medicine. MERDE!!

Non dimentichiamo che sono tutti maschi e giovani. E’ molto più pericoloso stare qui con questi elementi raggruppati, anziché vivere nei loro paesi. Nonostante il Governatore e tutti i politici sostengono che ci sono tanti bambini e donne. Ma si vedono solo MASCHI GIOVANISSIMI!!!

 

A Trieste 400 cittadini in piazza contro i profughi dopo l’aggressione ad una ragazza. Un migrante ha lanciato un sasso su un’auto

Aggrediti italiani anti-profughi: scatta la rissa con gli immigrati

Annunci