Estero/Vaccini e dintorni

Proposta shock in Francia: 11 vaccini obbligatori per accedere a scuola e GARDASIL da somministrare ai maschietti!

vaccini

Folle proposta in Francia nel programma vaccinale nazionale: imporre 11 vaccini per poter accedere ai nidi, alle scuole e alle attività di gruppo.

Dopo la sparizione dalle farmacie francesi del vaccino trivalente (Difterite-Tetano-Poliomielite), privo di alluminio, dal 2008 pure oltralpe si trova esclusivamente la BOMBA ESAVALENTE, contenente pure i vaccini non obbligatori.

Non contenti il governo francese vuole integrare l’obbligo vaccinale fino ad arrivare a ben 11 vaccini, compreso il Gardasil, contro il cancro dell’utero (anti-papillomavirus), da somministrare addirittura ai maschietti. Ricordiamo che il Gardasil ha causato invalidità permanenti e addirittura morti nei soggetti che hanno dovuto subire la somministrazione di tale vaccino. Ecco gli effetti indesiderati della . 

gardasil_428se

Effetti invalidanti permanenti

clipboardvine

3-gardasil-survivors-2014-resize

E ciliegina sulla torta i danni da vaccino saranno pagati dalla collettività e non dalle case farmaceutiche.

Questo è semplicemente di un attacco frontale alla vita dei francesi. Oramai 

Riportiamo il testo della petizione partita in FranciaPétition : 11 vaccins obligatoires pour aller à l’école ?

Dal 2008 il vaccino DTP (Difterite-Tetano-Poliomielite) non è più disponibile nelle farmacie francesi.

Questo vaccino era l’unico obbligatorio.

Era importante! Era stato utilizzato da decenni con successo. Queste malattie erano state praticamente debellate.

Si trattava di un vaccino sicuro. Non conteneva alluminio. E in più era un vaccino economico (6,54 €).

Ma dal 2008 i laboratori farmaceutici hanno ritirato il DTP dal mercato. L’hanno sostituito con un super vaccino che contiene dei vaccini contro tre malattie non obbligatorie.

Questo vaccino, chiamato, Infanrix-hexa (Esavalente):

  • contiene tre vaccini che non sono obbligatori;

  • contiene dell’alluminio ed altri adiuvanti;

  • contiene il vaccino molto discusso contro l’epatite B (perfettamente inutile per la maggioranza dei neonati);

  • costa 7 volte tanto!

Ma i genitori sono obbligati a comprarlo e a iniettarlo per conformarsi all’obbligo vaccinale!!!

Questa situazione è anomala. E’ ingiustificata. Le autorità avrebbero dovuto reagire da molto tempo. Non lo hanno fatto.

L’istituto per la protezione della salute naturale ha lanciato con il professor Henri Joyeux, nel maggio del 2015, una grande petizione al classico DTP senza alluminio. Questa azione ha provocato una grande presa di coscienza. Più di un milione di cittadini hanno partecipato.

Il ministro della sanità Marisol Touraine, ha reagito lanciando una consultazione nazionale sui vaccini.

Questa consultazione doveva essere democratica.

  • doveva essere aperta;

  • doveva rispondere alle preoccupazioni legittime dei genitori, dei nonni, della popolazione;

  • doveva tenere conto dell’interesse e della salute dei bambini, dei rischi associati al vaccino, del problema dell’incertezza, dei pericoli e degli incidenti, a volte, gravi che si verificano con la vaccinazione.

Ma il comitato per la vaccinazione ha reso il suo rapporto pubblico il 30 novembre 2016.

Ed è un vero scandalo.

Piuttosto di richiamare all’ordine i laboratori farmaceutici ed esigere di nuovo il semplice DTP il comitato chiede esattamente il contrario:

  • raccomanda di rendere obbligatori tutti i vaccini presenti nel super vaccino (esavalente);

  • raccomanda di aggiungere 5 altri vaccini obbligatori;

  • parla pure di rendere obbligatorio il tristemente famoso Gardasil, contro il cancro del collo dell’utero (vaccino anti-papillomavirus) ed eventualmente di estendere l’obbligo a tutti i maschietti;

  • raccomanda di privare i bambini dell’accesso ai nidi, alle scuole e a qualsiasi altra attività di gruppo se i genitori rifiutano anche solo uno di questi vaccini;

  • consiglia di intraprendere le vie legali contro i genitori restii!

  • vuole mettere a carico della collettività (vale a dire voi ed io) gli inevitabili incidenti che sorgerebbero dalla generalizzazione dei vaccini tramite un “sistema di indennità preso in carico dalla solidarietà nazionale” piuttosto che a quella dell’industria farmaceutica;

  • infine chiede l’adozione immediata dell’insieme di tutte queste raccomandazioni.

Mai un’offensiva così diretta era stata condotta nella sanità.

 

10013919_10152358134232313_1885106045_n

 

Annunci