Italia

Facebook: è iniziata la CENSURA del ministero della verità BOLDRINIANO??

facebook

Oggi, scorrendo nella home di facebook, dopo una serie di post, in fondo compare la dicitura “NESSUN POST DA MOSTRARE”. Prima la lista dei post era praticamente infinita. Adesso possiamo guardare solo una decina di post?

Che sia iniziata la CENSURA del Ministero della Verità SBOLDRINIANO dopo il SUCCESSONE dell’appello criminale bastabufale firmato dalla bellezza di 14.000 (QUATTORDICI MILA) genialoidi?

14.000 firme” esulta Laura Boldrini per il suo appello in circa dieci giorni.

Un flop che per Laura Boldrini basta per dire che “al termine di questa sottoscrizione convocheremo intorno a un tavolo tutti i soggetti che possono e devono contribuire ad arginare il fenomeno delle fake news. Facebook, Twitter, Google, gli editori dei media tradizionali, i direttori di testate, il Ministero dell’Istruzione, dell’Universitá e della Ricerca: a tutti chiederemo quali misure intendano prendere per garantire ai cittadini il diritto di essere informati correttamente.”

Bastabufale. L’appello della Boldrini è un flop, ma il Ministero della Verità si avvicina… 

Hai capito la meravigliosa democrazia BOLDRINIANA? I cittadini hanno il diritto di essere informati correttamente! Si MA con le notizie che decidono loro.

In rete le notizie uno se le va a cercare. Nessuno impone alcunché. Poi sta ad ognuno di noi credere,  non credere o andare a cercare ulteriori fonti per avere la certezza o meno che si tratti di una bufala o di notizia veritiera. E chi ci garantirebbe la veridicità delle informazioni veicolate dal regime? 

Imporre la feccia che i quotidiani di regime divulgano sarebbe LIBERA E SANA INFORMAZIONE? 

Questa violenza è scattata perché oramai si trovano con le spalle al muro e che le loro menzogne se le bevono sempre meno persone. Fintanto che girano notizie a loro favorevoli allora si tratta di libera informazione. Se smascheriamo le loro malefatte e i loro crimini allora si tratta di notizie false. Anzi, chiedo scusa, di fake news. In inglese fa più scena… 

Siamo a livelli allarmanti. Altro che dittatura. Questa maledetta sinistra sta facendo danni irreparabili. Dove sono gli italiani? TUTTI QUANTI dovremmo indignarci e mobilitarci PACIFICAMENTE contro questi progetti assassini!!

Ministero della Verità BOLDRINIANO: multe e prigione per chi espone il proprio pensiero e racconta la verità! Il sigillo di un sistema ASSASSINO!

Ricordiamo alla Sig.ra Boldrini, e a tutti i suoi seguaci, l’articolo 21 della COSTITUZIONE. Carta a lei e ai suo partito molto molto cara. Visto che la stanno calpestando continuamente

COSTITUZIONE Articolo 21

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria [cfr. art.111 c.1] nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l’indicazione dei responsabili.

In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell’autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all’autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s’intende revocato e privo d’ogni effetto.

La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.

Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni.

Annunci