Estero

Territorio Libero Trieste: Lorenzo Gentile chiede ai cittadini di mobilitarsi PACIFICAMENTE contro le bugie della politica italiana!

17629724_397840613921248_7858794519832996473_n

A seguito della INDECENTE risposta del Prefetto italiano a Trieste, Annapaola Porzio 

Secondo il prefetto Annapaola Porzio il TERRITORIO LIBERO DI TRIESTE NON ESISTE!! E con i trattati internazionali ci PULIAMO IL CULO??

Lorenzo Gentile torna a chiedere una mobilitazione PACIFICA della cittadinanza di Trieste per proteggere il Territorio dallo sciacallaggio italiano che da oltre 60 anni viola i trattati internazionali e i diritti umani, con il benestare dell’ONU, che hanno portato al collasso una città che per diversi secoli ha svolto un ruolo fondamentale per l’Europa e il mondo intero.

Lorenzo, triestino a Londra, con il cuore in mano e con la giusta rabbia PATRIOTTICA esorta tutti i gruppi e gruppetti, e ogni singolo cittadino del Territorio Libero di Trieste, ad unirsi sotto l’alabarda e scendere in piazza PACIFICAMENTE contro gli ABUSI e la VORACITA’ ITALIANI, per avere un futuro, perché di questo passo resteranno solo MACERIE!!

L’amico Alessandro sostiene:

…. il Territorio Libero di Trieste non è assolutamente una questione di indipendentismo. Si chiede semplicemente il RISPETTO DEI TRATTATI INTERNAZIONALI. Tengo a precisare che non sono nativo di Trieste, però ci vivo da quasi 30 anni, ed ho sempre lottato per la giustizia. E’ una questione di principio e di giustizia perché l’Italia, ma anche Slovenia e Croazia, stanno agendo ILLEGALMENTE nel silenzio ASSORDANTE del mondo.

Ci sono i TRATTATI INTERNAZIONALI post seconda guerra mondiale (La NON-Sovranità italiana, anche su Trieste, a seguito del TRATTATO DI PARIGI del 1947!), che mi sembrano essere fin troppo chiari e, nell’ottobre del 2015, addirittura l’ONU ha confermato che il Territorio Libero di Trieste è tra i territori amministrati dal  Consiglio di Sicurezza (Leggi qui!), ma siamo governati da sciacalli abusivi che impongono le loro leggi e le loro violenze.

Per quale motivo da oltre 60 anni è stata permessa, nel silenzio ASSORDANTE, la distruzione di una città fiorente e importantissima?

Le leggi sono fatte per essere rispettate oppure ci puliamo allegramente il culo? Questa domanda la faccio al prefetto Annapaola Porzio che continua a raccontare bugie come del resto tutta la marcescente politica italiana. 

Se un cittadino viola la legge paga senza se e senza ma. Mentre se lo fanno dei governi, fintanto sottostanno agli ordini imperialisti, va tutto bene?

I DUE PESI e DUE MISURE dell’incancrenita DEMOCRAZIA OCCIDENTALE. O sbaglio? A cosa serve l’ONU se ad oggi non ha minimamente ascoltato le innumerevoli proteste e richieste e fatto alcunché sugli abusi del governo italiano?

Possiamo continuare a tifare, per “Trieste è italiana” o per “Trieste non è italiana”? E’ dovere di tutta la cittadinanza CHIEDERE IL RISPETTO DELLE LEGGI INTERNAZIONALI. O in base ai singoli interessi spingiamo per una cosa piuttosto che per un’altra? Di che cazzo di giustizia stiamo parlando? Il bianco non può essere giallo, rosso, nero ecc… almeno che non abbiamo davanti un daltonico. Il bianco è bianco. Il nero è nero. Non posso dire che è giallo solo perché ho un tornaconto o perché la mia fede dice questo. Può sembrare stupido, non so se rendo l’idea?

Quindi l’unica soluzione è quella di unirsi, scendere in piazza PACIFICAMENTE e, ripeto, CHIEDERE IL RISPETTO DELLE LEGGI INTERNAZIONALI.

Con le pagine su facebook, gli innumerevoli gruppi e gruppuscoli, i presidenti e governatori autoproclamati, le chiacchiere, come ama l’amico Lorenzo ricordare, non hanno risolto, e non risolveranno, assolutamente nulla!!

Ciò che è stato fatto negli ultimi anni non mi sembra abbia risolto la questione. Anzi, vedo una città in preda della voracità della politica italiana grazie anche ai politici locali.

Vivere ancora sugli allori e riempirsi la bocca di esser stati a Ginevra, a Parigi ecc… passatemi l’espressione, ma si son puliti culo allegramente!

Oggi i tempi sono molto maturi e se riusciamo a scendere in piazza in massa gli sciacalli italiani se la faranno addosso e potremo finalmente liberare questa meravigliosa città dalla loro voracità e stupidità e farla tornare agli splendori del passato.

Ah si, successivamente tutti i politici locali che hanno remato contro il bene di Trieste dovranno essere processati per alto tradimento e sequestrargli tutti i beni che hanno accumulato grazie alla loro abusiva, vorace e criminale attività!

Quindi si invitano tutti gli interessati a mettere da parte il proprio ego e smorzare le imbarazzanti frizioni in corso per dare una RISPOSTA FORTE e INCISIVA alla marcescente e vorace politica italiana e soprattutto al prefetto Annapaola Porzio, che continua a dichiarare baggianate!!

Lorenzo propone di organizzare un evento la seconda settimana di Aprile. E’ disposto a venire a Trieste anche per un solo giorno. Data indicativa l’11 Aprile 2017. 

Troviamo una data che vada bene per tutti quanti, chiaramente durante la settimana, e che ogni cittadino faccia la propria parte anche a costo di qualche ora di permesso lavorativo o giornata di ferie.

UN PICCOLISSIMO INVESTIMENTO PER IL FUTURO!! Non continuiamo ad agire come degli COGLIONI!! 

Convogliate le forze e mettetevi in contatto con Lorenzo Gentile, Mario ComuzziU.H.R.T.A. Human Rights Trieste Association e tutti gli altri gruppi che AMANO questa città! Per risollevarci da questa drammatica situazione abbiamo SOLO QUESTA CARTA DA GIOCARE!! 

Annunci