Ordinaria quotidianità

Enrico Mentana e la propaganda SBOLDRINIANA.

Enrico Mentana è passato a tutti gli effetti al servizio della propaganda SBOLDRINIANA.

Non passa giorno che non ci delizi con le sue perle di saggezza su argomenti scottanti.

La sua redazione si è trasferita a tutti gli effetti sui social network. In particolar modo su facebook, dove cerca, in maniera alquanto imbarazzante, di sbufalare, argomenti scomodi al regime dittatoriale èlitario: 11 settembre, i Savi di Sion, il Piano Kalergi, il Nuovo Ordine Mondiale, i vaccini ecc…,

Sarebbe il caso che tale personaggio inizi ad argomentare piuttosto che limitarsi a battere 4 parole sulla tastiera privi di significato che dovrebbero sbufalare anche prove ufficiali e testimonianze.

Organizzi piuttosto dei confronti aperti e liberi e poi vediamo se Enricuccio avrà ancora il coraggio di stare su facebook a digitare idiozie sulla tastiera. 

23915713_795716303963942_1437189640026628665_n

Marco Pizzuti Facebook

L’élite internazionale con il pretesto paternalistico di salvare l’umanità dalle fake news (di cui i mass media sono la fonte principale) sta esercitando pressioni sui legislatori di tutto il mondo per VIETARE la controinformazione. Così appena approvata la legge non si potrà più discutere di 11 settembre, effetti collaterali dei farmaci, OGM etc. etc.. La nuova legge mira ad imporre la costituzione di un Ministero della Verità a cui sarà affidato il compito di censurare tutte le notizie ritenute scomode dall’establishment di potere.
Chi favoleggia in buona fede (pochi) la necessità di scremare internet dalle bufale, forse non sa che per tutelare chi viene ingiustamente danneggiato da accuse infondate, già esistono le leggi contro la diffamazione e la calunnia. Queste ultime però vanno dimostrate in tribunale e ciò costituisce un problema per l’élite perché quando le accuse si fondano su documenti, fatti, testimonianze e prove oggettive, diventa difficile screditarle come semplici bufale. Meglio quindi zittire le notizie scomode direttamente alla fonte, senza che i dissidenti di regime abbiano la possibilità di controbattere. Già oggi i mass media censurano e impediscono ogni libero confronto realmente democratico ma siccome molta gente sta iniziando a capire come funziona la manipolazione dell’informazione a livello mainstream, hanno deciso di colpire internet, l’unica fonte di notizie rimasta libera…..subito dopo toccherà anche ai libri….
La democrazia di cui si riempiono la bocca personaggi come Mentana e Vespa è tutta un’altra cosa perché sono solo i regimi dittatoriali a poter decidere dall’alto cosa è vero, buono e giusto per la popolazione… – «Non sono d’accordo con quello che dici, ma darei la vita perché tu lo possa dire»

 

 

Annunci