Ordinaria quotidianità

I rivoluzionari della virtualità pieni di contraddizioni e soprattutto non azioni!

leone da tastiera

I leoni da tastiera se la prendono continuamente con qualcuno esponendo anche le congetture più assurde. Vogliono apparire come rivoluzionari. Dicono tutto e il contrario di tutto. Danno un colpo alla botte e un colpo al cerchio. Un po’ di qua e un po’ di là. Esprimono anche concetti e pensieri apprezzabilissimi. Peccato che il tutto rimane nella virtualità scadendo spesso nella contraddizione.

Un detto recita “tra dire e il fare c’è di mezzo il mare”.

Ed è effettivamente così. Costoro di concreto non fanno un beato cazzo. Attaccano tutti ma loro non si guardano allo specchio. Sono pieni di contraddizioni e vogliono dare lezioni agli altri.

Se non cambiamo noi stessi non possiamo mai cambiare gli altri e quindi migliorare il mondo. Inutile trascorrere intere giornate a battere sulla tastiera per criticare Tizio, piuttosto che Caio se poi ci si comporta o si ha la dolce metà che si comporta come loro. Se non addirittura peggio.

Ma di cosa stiamo parlando? La gente è sempre più fuori di testa. Abbiamo raggiunto un livello di psicopatia che fa davvero rabbrividire.