Italia

L’INVASIONE SELVAGGIA continua senza sosta!

Photo0139

Venerdì 4 ottobre 2019 intorno alle ore 12, alla periferia nord-est di Trieste, precisamente in strada per Basovizza (strada statale 14 Friuli Venezia Giulia) abbiamo avvistato una decina di immigrati clandestini, provenienti probabilmente da Pakistan, Afghanistan o giù di lì, che hanno attraversato indisturbati il confine con la Slovenia di Basovizza o di Pesek.

L’invasione da questo corridoio continua incessantemente da mesi e sembra agire in qualche modo. Anche Trieste è stata invasa da questi immigrati clandestini e guarda caso la sicurezza è andata a farsi fottere. Furti, risse, stupri per mano di questi barbari che non hanno assolutamente nulla da perdere sono schizzati alle stelle in una città molto tranquilla qual era Trieste fino all’inizio di questa vera e propria invasione. Eppure ci sono le ZECCHE che cercano di nascondere queste violenze. 

Photo0140Photo0141

In tutto il mondo c’è il controllo dell’immigrazioni. Per entrare anche nel paese più povero del mondo, chiunque deve presentare il passaporto se non addirittura il visto se previsto. E se si vuole restare per periodi più lunghi, se concesso, bisogna presentare regolare richiesta allo stato estero e addirittura portare decine e decine di migliaia di euro/dollari nel paese e dimostrare di essere economicamente autonomi per non gravare sulle spalle dello stato ospitante. Perché questo non avviene? Perché le ZECCHE, che non capiscono una banana di nulla grazie alla stupidità adolescenziale non protestano anche con tutti gli stati del mondo per poter accedere liberamente? Tra l’altro far entrare criminali, terroristi ecc.. è puro autolesionismo. La sicurezza non esiste più. Di sera bisogna fare molta attenzione anche nei posti più tranquilli e sperduti dell’Italia.

Ricordo la stupidità di Marilou che parlando di immigrazione e di sicurezza delle città, due anni fa mi disse: io rinuncerei alla mia sicurezza per poter far entrare queste persone.

Ecco il livello imbarazzante di queste ZECCHE