Vaccini e dintorni

OMS: Conosciamo questa organizzazione con le sue 4 false pandemie negli ultimi anni. SVEGLIA GENTE!

Interessante reportage della TV svizzera sull’OMS e sulle 4 false pandemie create negli ultimi anni. Il loro obiettivo è distruggere la popolazione mondiale. Fanno solo terrorismo!!

21/03/2013 – Il documento shock della TV svizzera che tutti dovrebbero vedere. La falsa pandemia illustrata dal documento shock della TV svizzera.
Come le multinazionali truffano gli Stati, come l’OMS sceglie responsabili in evidente conflitto d’interessi perchè vengono pagati dalle case farmaceutiche che brevettano vaccini inutili. Dall’aviaria alla suina sino all’Ebola, il gioco sporco dell’Organizzazione mondiale della Sanità di concerto con “scienziati” al soldo delle grandi industrie. Dopo averlo visto, sarà difficile fidarsi ancora di tutto quello che ci raccontano

Pandemia suina, uno spettro che ha preoccupato il mondo intero. L’onda è ormai passata. Dietro di sé ha lasciato un numero ridotto di vittime, una valanga d’interrogativi, e pericolose certezze sui danni vaccinali provocati dall’adiuvante AS03 e un aumento esponenziale della narcolessia nei bambini correlato alla vaccinazione con Pandemrix.

E’ un fatto che le previsioni dei catastrofisti non si sono realizzate: il pianeta l’ha vissuta come una comune influenza. Gli Stati hanno però acquistato milioni di dosi di vaccino pandemico, rimaste per lo più inutilizzate. L’hanno fatto su indicazione dell’OMS.

Al Consiglio d’Europa di Strasburgo, la Commissione Sanità ha accusato l’OMS di avere creato una “falsa pandemia”, che ha trasformato una comune influenza in un business miliardario – diffondendo ingiustificata paura nella popolazione e nei governi di tutto il mondo che, per prepararsi e difendersi da quella che sembrava una imminente emergenza sanitaria, hanno speso un patrimonio.

La falsa pandemia illustrata dal documento shock della TV svizzera

Considerato che in Italia non esistono televisioni e quotidiani capaci di proporre simili inchieste a tutela dei consumatori, dove trionfano i fatti scomodi agli interessi di bottega che invece albergano incontrastati nel nostro paese, vi proponiamo un documento filmato molto interessante della trasmissione svizzera Falò che ha raccolto le voci dei protagonisti internazionali di questa controversia, ripercorrendo le tracce di un anno di pandemia.

 

AGGIORNAMENTO 01.05.2020

I DUBBI SUL COVID, I MODELLI, I TEST E ORA LE CONSEGUENZE

All’inizio di marzo, il Prof. Neil Ferguson, capo del Centro MRC per l’analisi globale delle malattie infettive all’Imperial College di Londra, ha pubblicato un modello ampiamente discusso che prevede possibili decessi COVID-19 nel Regno Unito fino a 500.000.  

Ferguson lavora a stretto contatto con l’OMS. Tale rapporto è stato ritenuto responsabile di una drammatica inversione di tendenza da parte del governo del Regno Unito da una tradizionale politica di salute pubblica volta all’isolamento dei pazienti a rischio, consentendo al contempo alla società e all’economia di funzionare normalmente.

Giorni dopo il blocco del Regno Unito, l’istituto di Ferguson ha rivisto timidamente al ribasso le sue stime di morte, diverse volte e in modo drammatico. I suoi terribili avvertimenti non si sono avverati e l’economia del Regno Unito, come la maggior parte degli altri in tutto il mondo, è entrata in una profonda crisi basata su stime gonfiate.

Ferguson e i suoi esperti di modelli dell’Imperial College hanno una notoria esperienza per prevedere le terribili conseguenze delle malattie. Nel 2002 Ferguson aveva predetto che fino a 50.000 persone nel Regno Unito sarebbero morte per la variante della malattia di Creutzfeldt-Jakob, “malattia della mucca pazza, probabilmente a 150.000 se l’epidemia si fosse estesa alle pecore. Un totale di 178 persone sono state ufficialmente registrate morte per vCJD. Nel 2005, Ferguson affermò che fino a 200 milioni (!) Persone in tutto il mondo sarebbero state uccise dall’influenza aviariao dall’H5N1.


All’inizio del 2006, l’OMS aveva collegato solo 78 morti al virus. Quindi nel 2009 il gruppo di Ferguson all’Imperial College ha informato il governo che l’influenza suinao l’H1N1 avrebbero probabilmente ucciso 65.000 persone nel Regno Unito. Alla fine, l’influenza suina ha causato la morte di 457 persone. Ferguson e il suo gruppo dell’Imperial College hanno notoriamente una brutta reputazione per prevedere le conseguenze della malattia.

Eppure lo stesso gruppo Ferguson all’Imperial College, con l’approvazione dell’OMS, era dietro i numeri di panico che hanno innescato un blocco del governo britannico. Ferguson fu anche la fonte della selvaggia “previsione” secondo cui 2,2 milioni di americani sarebbero probabilmente morti se non si fosse verificato un blocco immediato dell’economia statunitense. Basato sul modello di Ferguson, il dott. Anthony Fauci del NIAIDha riferito di aver affrontato il presidente Trump e lo ha costretto a dichiarare un’emergenza sanitaria nazionale.
Proprio come nel Regno Unito, una volta iniziato il danno all’economia, il modello di Ferguson in seguito ha ridotto drasticamente le stime di mortalità negli Stati Uniti tra 100.000 e 200.000 morti. In entrambi i casi negli Stati Uniti e nel Regno Unito, Neil Ferguson ha fatto affidamento su dati del governo cinese, dati che sono stati dimostrati inaffidabili.

Neil Ferguson e il suo gruppo di studio dei modelli all’Imperial College, oltre ad essere sostenuto dall’OMS, ricevono milioni dalla Fondazione Bill & Melinda Gates. Ferguson dirige il consorzio per la previsione dell’impatto sui vaccini presso l’Imperial College che elenca come finanziatori la Bill & Melinda Gates Foundation e la GAVI, la società di vaccini sostenuta da Gates . Dal 2006 al 2018 la Gates Foundation ha investito ben $ 184.872.226,99 in operazioni di studio dei modelli epidemici dell’Imperial College di Ferguson .

In particolare, la fondazione Gates ha iniziato a riversare milioni nell’operazione di modelli di Ferguson ben dopo che la sua catastrofica mancanza di accuratezza era nota, portando alcuni a suggerire che Ferguson è un’altra operazione di “scienza a noleggio”.

... Alla fine di marzo, il modello di IHME ha anche “previsto” fino a 2,2 milioni di decessi da coronavirus americani a meno che non siano state seguite misure di blocco drastiche. Entro il 7 aprile, i modelli IHME lo hanno rivisto fino a 200.000 morti. La loro ultima revisione verso il basso mette le morti a poco più di 60.000.

L’affermazione è che le revisioni verso il basso sono informate da dati reali. Eppure le proiezioni selvaggiamente imprecise erano quelle usate per imporre catastrofiche restrizioni sociali ed economiche negli Stati Uniti.

Alex Berenson, ex reporter del New York Times, ha messo in dubbio il modello IMHE: “A parte New York, a livello nazionale non c’è stata alcuna crisi del sistema sanitario. In effetti, per essere veramente corretti, c’è stata una crisi del sistema sanitario, ma la crisi è che gli ospedali sono vuoti ”, ha detto. “Questo è vero in Florida, dove il blocco era in ritardo, questo è vero nel sud della California, dove il blocco era in anticipo, è vero in Oklahoma, dove non esiste un blocco in tutto lo stato. Non sembra esserci alcuna correlazione tra il blocco e se l’epidemia si è diffusa o meno in modo rapido e rapido. ” IHME afferma che le sue revisioni sono il risultato dell’entrata in vigore del blocco, anche se occorrerebbero settimane per essere visualizzate.

Come Neil Ferguson all’Imperial College di Londra, IHME dell’Università di Washington è un altro progetto della Gates Foundation. È stato creato nel 2007 con un’importante borsa di studio della Fondazione Bill & Melinda Gates. Nel maggio 2015 IHME e l’Organizzazione mondiale della sanità hanno firmato un importante accordo per collaborare ai dati utilizzati per stimare le tendenze della salute mondiale. Quindi, nel 2017 IHME ha ottenuto 279 milioni di dollari aggiuntivi dalla Fondazione Gates per espandere il suo lavoro nel prossimo decennio. Ciò, oltre a un altro regalo di 210 milioni di dollari nel 2016 da parte della Bill & Melinda Gates Foundation per finanziare la costruzione di un nuovo edificio per ospitare diverse unità UW che lavorano nella salute della popolazione, tra cui IHME. In altre parole, IHME è stato un elemento cruciale della strategia sanitaria globale di Gates per oltre 13 anni.

Hanno prodotto modelli altamente gonfiati per le richieste di pronto soccorso stato per stato. Queste proiezioni gonfiate, da New York alla California e oltre, hanno provocato il caos su tutto il sistema sanitario. Quando un modello IHME ha previsto la necessità di 430.000 letti di terapia intensiva negli Stati Uniti a marzo, gli stati sono entrati in panico da New York alla California, in Pennsylvania e oltre. Alla terza settimana di aprile, la realtà era che i letti degli ospedali erano vuoti e un numero imprecisato di altre operazioni era stato cancellato per fare spazio ai pazienti covid-19 che non si erano mai materializzati.

Test difettosi

La grande varietà di diversi test che dovrebbero dire se si è infetti dal virus SARS-CoV-2 hanno aggiunto un elemento cruciale alla tempesta distopica perfetta che imperversa a livello globale. In poche parole, i test non sono così affidabili.

Un importante laboratorio tedesco ha riferito all’inizio di aprile che, secondo le raccomandazioni dell’OMS, i test del virus Covid19 sono ora considerati positivi, anche se la sequenza target specifica del virus Covid19 è negativa e solo la sequenza target del virus corona più generale è positiva.
Questo può portare ad altri virus corona, come i virus del raffreddore, anche innescando un risultato falso positivo del test. Ciò significa che puoi avere un semplice raffreddore e sei considerato coronavirus positivo. Non c’è da stupirsi che il conteggio del coronavirus “infetto” stia esplodendo nelle ultime settimane. Ma cosa significa veramente quel numero? Semplicemente non lo sappiamo. Eppure i nostri politici stanno chiudendo con disinvoltura intere economie e causando un inconcepibile danno sociale 
basato su false proiezioni del modello e sulle linee guida per i test falsi dell’OMS.

In Germania il Robert Koch Institute (RKI), l’agenzia governativa che guida la risposta COVID19, ha deliberatamente rifiutato di elencare il numero effettivo giornaliero di persone sottoposte a test nonostante le richieste. Il prof. Christopher Kuhbander, autore di uno studio dettagliato, afferma: “I dati riportati sulle nuove infezioni sopravvalutano in modo molto drammatico la vera diffusione del virus corona. Il rapido aumento osservato di nuove infezioni è quasi esclusivamente dovuto al fatto che il numero di test è aumentato rapidamente nel tempo. Quindi, almeno secondo le cifre riportate, in realtà non c’è mai stata una diffusione esponenziale del coronavirus.
I dati riportati sulle nuove infezioni nascondono il fatto che il numero di nuove infezioni è diminuito da circa inizio o metà marzo. ” Tuttavia, la presentazione acritica da parte dei media di infinite statistiche dal capo della RKI ha favorito ansia e paura senza precedenti nella popolazione tedesca.

Il dott. Dan Erickson, medico californiano, ha descritto le sue osservazioni su Covid19 in una conferenza stampa. Ha dichiarato che finora gli ospedali e le unità di terapia intensiva in California e in altri stati sono rimasti in gran parte vuoti. Il dott. Erickson riferisce che i medici di diversi stati degli Stati Uniti sono stati “sottoposti a pressioni” per emettere certificati di morte che menzionano Covid19, anche se loro stessi non erano d’accordo. In Pennsylvania lo stato è stato costretto a rimuovere circa 200 decessi per “coronavirus” dopo che l’autopsia del medico ha rivelato la morte per cause preesistenti come malattie cardiache o polmonari.

Più stanno emergendo fatti reali attorno a questa pandemia e alle sue conseguenze, più sta diventando chiaro come gli viene detto di commettere suicidio economico e sociale sulla base di metodi e informazioni sbagliate.

*F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller in petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook”

L'immagine può contenere: 2 persone, testo

 

AGGIORNAMENTO 08.05.2020