Vaccini e dintorni

ARRESTATE l’infermiere di Cremona per TERRORISMO e PROCURATO ALLARME!

Nei giorni scorsi un infermiere dell’ospedale di Cremona, tale Luca Alini, ha pubblicato un post, con tanto di selfie, comunicando erano nuovamente arrivati in reparto pazienti in gravi condizioni respiratorie. Ovviamente questo post è stato prontamente rilanciato dai “professionisti dell’informazione” senza però verificare la veridicità. Visto l’allarme qualcuno ha ben pensato di contattare l’ospedale di Cremona che ha prontamente negato le parole del terrorista infermiere. Perché di questo si tratta! Anzi hanno aggiunto che il reparto di terapia intensiva è covid free. Sembra che l’insolente sia stato prontamente licenziato. Però la magistratura dovrebbe indagare questo fenomeno. Perché un addetto sanitario che scrive falsità di questa gravità oltre che essere licenziato in tronco, deve essere pure ARRESTATO per TERRORISMO e PROCURATO ALLARME. Dov’è la magistratura? Continua a sonnecchiare? Addirittura i professionisti dell’informazione hanno cercato di minimizzare la cosa scrivendo:

Aveva scritto un post per ricordare che “il coronavirus non si è dimenticato di fare il suo lavoro”.

No, non ha scritto questo. Ha scritto che erano tornati pazienti con problemi gravi di respirazione ed era FALSO!! 

Con questa crisi, montata dai soliti noti, abbiamo ben visto chi sono i nemici dell’umanità.

 

infermiere cremona 02infermiere cremona 03infermiere cremona 04

Il post dell’infermiere di Cremona: “Ancora pazienti gravi, il virus continua ad infettare”

 

 

infermiere cremona 00infermiere cremona 01

Pazienti Covid a Cremona: l’azienda smentisce l’infermiere e il post viene rimosso

 

infermiere cremona adnkornos

Covid, insulti all’infermiere di Cremona dopo lo sfogo social