Vaccini e dintorni

Il governo italiano ha dichiarato GUERRA agli italiani. OBBLIGO VACCINALE che passa da 4 a 12 e fino a 16 anni!! SVEGLIAAAAA!!

prematuri-e-vaccini-laviadiuscita

18486338_653236421542114_5016732559235922000_n

POST MOLTO LUNGO aggiornato di continuo per dare un quadro completo. 

Lo Stato Italiano dichiara guerra al proprio popolo!  

Tutta la nazione deve unirsi contro questi CRIMINALI SPIETATI, perché non è accettabile una tale violenza e speculazione sulla vita di bambini e non!

Dopo anni di battaglie per ottenere la libertà di scelta e l’ultima caccia alle streghe, si ritorna ai tempi bui dell’obbligo vaccinale. Pena pesantissime sanzioni e chissà forse pure togliere i figli alle famiglie!

IOSTOCONGAVA!!!! Radiato perché diventato un pericolo per la lobby vaccinale!

MORBILLO: il Dr. Eugenio Serravalle UMILIA saviano!!!

Non solo hanno re-instaurato l’obbligo, ma i vaccini obbligatori passano da 4 a ben 12.  

Nonostante i dati allarmanti sui danni da vaccino i DIPLOMATI ministri, anzi, MINISTRE, CRIMINALI del governo italiano hanno avuto la meglio!

lasindromeautisticainaumentovertiginoso

range-2009

Il problema è che oggi, rispetto 10/20 anni fa, i vaccini, come ci ha dimostrato il dott. Montanari, sono inquinati di metali pesanti e altre merdate che non fanno certo bene.

Difatti vediamo sempre più bambini con problemi e sempre più malattie autoimmuni. 

Eppure nel resto dell’Europa l’obbligo è decisamente diverso

18424997_10154306883215194_1803174333312902561_n

europa 02

LE VACCINAZIONI INFANTILI NEI PAESI DELLA COMUNITÀ EUROPEA

Ben due anni fa abbiamo dedicato un post sull’obbligatorietà vaccinale in Europa

Paesi europei senza alcun obbligo vaccinale nel 2010

Austria – Cipro – Danimarca – Estonia – Finlandia – Germania – Islanda – Irlanda – Lituania – Lussemburgo – Olanda – Norvegia – Portogallo – Spagna – Svezia – Regno Unito

Programma vaccinale in Europa: tra i paesi più ricchi solo Italia, Francia e Belgio hanno obblighi!

Se non sono dichiarazioni di GUERRA quelle che seguono… 

Inoltre si allarga di molto il numero di vaccini obbligatori, che passano da 4 a 12. Quindi vengono ricompresi in questa categoria quelli un tempo considerati facoltativi, tra i quali anche l’mprv (morbillo, parotite, rosolia e varicella) e i due contro la meningite, di ceppo B e C. I bambini dovranno averli fatti per poter essere iscritti all’asilo nido e alla scuola materna. “Di fronte a questa obbligatorietà abbiamo deciso alcune misure – ha detto il premier Gentiloni – L’obiettivo è ridurre al minimo nei prossimi mesi e anni la fascia di popolazione non protetta”. Ha così spiegato che per i genitori di chi non è coperto e frequenta la scuola dell’obbligo si è pensato a sanzioni, “anche 30 volte più alte di quelle esistenti”. Per avere un’idea del valore delle sanzioni, quelle vecchie, che non venivano praticamente applicate, erano di 150 euro per la polio e di 250 per l’epatite. Con la nuova norma si sale a diverse migliaia di euro. 

“Si tratta di un decreto – ha detto Gentiloni – perché si è constatato che la mancanza di misure appropriate nel corso degli anni e il diffondersi negli ultimi mesi di teorie anti scientiche che ha portato abbassamento protezione. No siamo in uno stato di emergenza ma preoccupazione alla quale vogliamo rispondere. Decreto anche perché negli ultimi mesi diverse prese di posizione di diverse regioni su questo punto, sentiamo dovere e esigenza di dare indirizzi generali”.

La ministra alla Salute Beatrice Lorenzin ha aggiunto che “le vaccinazioni sono uno strumento fondamentale di salute pubblica” e ha elencato i problemi legati al calo delle coperture che si sta registrando in questi anni. “Vogliamo aumentare le coperture vaccinali. L’azione più forte si fa sui bambini piccoli e poi più avanti nel percorso scolastico andiamo a controllare le coperture, e pensiamo a misure stringenti nei confronti della famiglia”. Lorenzin ha così spiegato come funzioneranno le sanzioni. “All’iscrizione presso qualunque istituto, cioè da 0 a 16 anni, bisognerà presentare il libretto vaccinale. Se non è in regola con le vaccinazioni o si è in lista di attesa, la scuola deve riferire all’Asl, questa chiama la famiglia, gli dà un tot di giorni per vaccinare. Se questo non avviene, scatterà una sanzione molto elevata. Che per chi non è in regola si ripeterà ogni anno”. Lorenzin ha spiegato di essere soddisfatta

Vaccini, approvato il decreto sull’obbligo fin da nidi e materne

Oltretutto, notizia di pochi giorni fa, il vaccino esavalente è sotto indagine dalla procura di Torino in merito proprio alle sostanze non segnalate

Vaccini: nessuna guerra, solo più certezze

Roberta Doricchi – Lo so che eravamo d’accordo di non parlare più di vaccini, ma ogni giorno si aggiunge qualcosa e già rimanere aggiornati è un problema. Vogliamo partire dall’obbligo vaccinale per tutti i bambini a pena di non essere ammessi al nido?

Stefano Montanari – Guardi che io non sono né uno psichiatra né un magistrato. Ciò che le posso dire dal mio punto di vista è che l’idiozia non ha limiti. Vede, quando si dà da pilotare un aereo a uno scimpanzé si possono avere effetti immediati divertenti e anche, chissà, sorprendenti. Poi il botto è inevitabile.

RD – Mi fa un riassuntino?

SM – Glie lo faccio, ma non servirà a nessuno. Il vaccino è una fonte di guadagno e di carriera per qualcuno. È un atto di fede per la maggioranza della popolazione. Se chi ricava quattrini, magari miracolosamente o magari perché qualche disastro lo ha toccato da vicino, può avere un’illuminazione morale arrivando a rinunciare al guadagno e alla carriera, non sarà mai così per chi ripone nei vaccini tutte le sue certezze e per difenderle è disposto a qualunque bizzarria. Menzogna, violenza… il fine giustifica i mezzi.

RD – Il riassuntino me lo faccia comunque.

SM – Già non è facile scegliere tra le malattie infettive. Quali scegliamo? Forse la signora Lorenzin non è stata informata, ma le malattie infettive sono parecchie e vaccinare contro tutte è davvero un’impresa. Tra le altre mille follie, pensi solo ai quattrini che occorrerebbero anche se, bisogna dire, per certe cose i soldi si trovano sempre: basta raschiare un po’ sulle pensioni, sulla scuola, sulla sanità che non rende… Ma poi c’è il problema dell’efficacia del vaccino, di qualunque prodotto si tratti. Non parlo del professorino o del politico o del giornalista perché quelli fanno solo folclore: nessun farmacologo sano di mente potrà affermare che i vaccini sono efficaci nella totalità dei casi e, dunque, ci sarà sempre una quota di bambini che ricevono il vaccino senza effetto immunizzante. E poi, se l’immunità viene acquisita, non potrà pensare che la condizione si protragga oltre pochissimi anni. E, allora, sarà indispensabile non solo controllare se l’effetto c’è stato ma se si sia mantenuto. Comunque, ogni pochi anni bisognerà necessariamente rivaccinare. Prescindendo dai rischi insiti in ogni somministrazione e di cui ricevo notizia ogni giorno da non pochi genitori che hanno vaccinato e rivaccinato senza farsi domande per poi venire a piangere sulla mia spalla chiedendomi miracoli impossibili, non penserà che gli untori siano solo i bambini. Gli adulti sono trasmettitori di malattia esattamente come e forse più dei ragazzini e, secondo la filosofia di regime, non si potrà non vaccinare anche loro. In fondo il bambino va al nido o a scuola e viene a contatto con gli insegnanti, con i bidelli, con l’autista dell’autobus, con il cuoco, con il pediatra, con chi passa per strada… Insomma, perché solo i bambini? E perché limitarsi alle scuole? Vacciniamo chiunque pretenda di vivere su questo pianeta e facciamolo a ripetizione per tutta la vita. Pensi alla soddisfazione dei nostri luminari con in testa la signora Beatrice Lorenzin, colta quasi più di loro.

RD – Che cosa mi dice delle epidemie in corso?

SM – Fa dell’ironia o me lo chiede sul serio?

RD – Decida lei, ma mi risponda.

SM – Fallita la bufala della meningite, pur se qualche irriducibile ci crede ancora, adesso è il turno del morbillo. È probabile che certe notizie siano fatte circolare a partire da chi di medicina non ha nozioni e, dunque, non prova accenno di vergogna. Chi sa come si comportano le malattie infettive, di cui il morbillo è una, sa che tengono un andamento quanto mai altalenante con picchi in alto e in basso che differiscono enormemente. Basterebbe consultare le statistiche per trovarsi davanti agli occhi dei grafici inequivocabili ma, ovviamente, nessuno lo fa. Pensi alla peste. Legga qualunque testo di storia della medicina e vedrà come quella malattia, ora praticamente scomparsa senza che una sola persona sia stata vaccinata, ha imperversato nei secoli per ondate lunghe anni facendo stragi per poi restare quiescente durante periodi di parecchi decenni. Le malattie infettive si comportano qualitativamente tutte in quel modo, pur se, di solito, in maniera molto più “compressa”.

RD – Compressa?

SM – Volevo far capire che gli alti e i bassi si susseguono generalmente entro periodi brevissimi, esattamente come sta accadendo per il morbillo. Niente di insolito. Ma, approfittando di un’informazione truffaldina che scommette, ora vincendo, sull’ignoranza e sulla fragilità emotiva della maggior parte della gente, ecco che ora siamo in piena epidemia di morbillo. Poi verrà la varicella, la pertosse, la scarlattina e chissà che cosa d’altro. Siamo arrivati alla pazzia del Papilloma virus. Vedrà che, non appena una ditta dotata di una quantità sufficientemente ghiotta di quattrini da distribuire salterà fuori con un vaccino per una malattia qualunque, ecco che di quella avremo un’epidemia sconvolgente.

RD – Ma è vero che il morbillo dà effetti terribili?

SM – Certo che è vero. Ma dobbiamo capire il perché. Intanto non sono affatto frequenti e un tempo erano di una rarità assoluta. Qualche giorno fa ho sentito in una TV nazionale un medico spacciato, come si fa ormai di solito, per essere un luminare dire che l’encefalite è un effetto del morbillo e, se una volta di encefaliti ce n’erano pochissime, è solo perché allora non si sapevano diagnosticare. Ora, se un medico di cento, duecento o cinquecento anni fa non avesse saputo diagnosticare un’encefalite, comunque la si fosse voluta chiamare, non avrebbe trovato un solo cliente. Insomma, la solita stupidaggine di regime ad uso dei gonzi. A titolo di curiosità, aggiungo che nella stessa trasmissione, tra le altre manifestazioni di demenza e nella disinformazione più grottesca, si mostrava un povero beota che diceva di aver avuto sì il morbillo, ma poi di esseri vaccinato per sicurezza. A quel punto si sarebbe dovuto dire immediatamente che un comportamento del genere costituisce un grave errore e, invece, si è taciuto. Del resto, tempo fa due genitori sono venuti a trovarmi in laboratorio e mi hanno riferito come il pediatra di loro figlio lo volesse vaccinare contro il morbillo quando di morbillo il bambino si era ammalato e, ovviamente, ne era guarito senza conseguenze.

RD – Da quello che mi pare di capire, allora il morbillo è più aggressivo oggi di un tempo.

SM – Con molte probabilità è così. Ma è così non perché il morbillo sia cambiato: è l’Homo sapiens ad essere diverso.

RD – In che modo?

SM – Ho ripetuto mille volte e qualunque medico dovrebbe sapere una cosa che accomuna diverse malattie infettive ma che per il morbillo è vistosissima. Se una bambina si ammala di morbillo in modo naturale, non solo resterà immune a vita ma, a tempo debito, trasmetterà una forma temporanea d’immunità al proprio figlio. Questa forma proteggerà il bambino fino all’età di sei, sette o otto anni. Se, invece, la bambina è stata vaccinata, non trasmetterà proprio nulla e, dunque, il morbillo potrebbe attaccare il figlio in età molto precoce, facendo danni. Inoltre, continuando ad immunizzare artificialmente e, occorre dire, in modo non completamente efficace, la popolazione, il risultato è quello di avere tantissime persone che non sono capaci di reagire fisiologicamente per difendersi da una malattia. Il fatto che sembra sfuggire è che l’organismo ha bisogno di ammalarsi di tanto in tanto come un atleta ha bisogno di allenarsi. Se quando io, ai bei tempi, facevo il maratoneta avessi fatto i miei percorsi d’allenamento non correndo ma seduto in automobile, non sarei certo stato capace di concludere una gara. Ecco, allora, che una malattia del tutto benigna come il morbillo, tanto che il nome stesso, di origine latina, significa proprio malattia di poco conto, diventa qualcosa di potenzialmente pericoloso.

RD – In definitiva, vaccinarsi o no?

SM – Per abitudine e per convinzione io non do consigli a nessuno. L’unica cosa che posso dire con assoluta certezza è quello che le ho appena detto. Sarebbe bene, poi, che chi si vaccina e chi vaccina i propri figli fosse informato correttamente, cosa che non avviene quasi mai e, se ho detto quasi, è per buonismo. Tantissime sono le cose che non si dicono. Per esempio, anni fa ci fu un’epidemia di morbillo in Canada con la totalità dei soggetti vaccinati. E la stessa cosa accade per chi si ammala di tante altre malattie contro cui era stato vaccinato. Se non ci fosse qualcosa di almeno sospetto sotto, non ci sarebbe motivo di tacere.

RD – Mi dice ancora qualcosa sulla proposta di non far entrare a scuola i bambini non vaccinati?

SM – Tenga conto che alla testa di tutto c’è la signora Lorenzin e già questo spiega parecchio. Il problema non è tanto quello del tentativo, forse moralmente non proprio condivisibile ma certo, invece, comprensibile, di vendere vaccini quanto quello dell’ignoranza. Se la gente avesse un po’ di cultura, medici tristemente compresi, si farebbe due risate di fronte a certe situazioni. Almeno dal punto di vista generale, le vaccinazioni a tappeto sui bambini sono ovviamente del tutto inefficaci, per di più volte come sono a combattere nemici che solo l’incompetenza, e non dico altro, di qualcuno ha rafforzato, ma comportano anche l’innescarsi di situazioni molto divertenti anche se decisamente imbarazzanti.

RD – Per esempio?

SM – Beh, per esempio quello della mia regione, l’Emilia Romagna, che diventerà nazione autonoma fuori dal trattato di Schengen.

RD – Questa è una novità. Sta scherzando, vero?

SM – Non sono del tutto sicuro di stare scherzando. Consideri ciò che sta succedendo. L’Emilia Romagna ha amministratori del tutto incompetenti ma non è per questo che si discosta dal resto del Paese e, devo dire, da altre zone planetarie. Se si dà un’occhiata al panorama politico, pare che, se non ti collochi al di sotto di un certo livello intellettuale e culturale, la carriera politica ti sia preclusa. Ma su questo noi siamo in regola. Ciò che accade nella mia regione è che, essendo noi più realisti del re, abbiamo vinto la gara della follia anticipando gli altri concorrenti. Se il bambino vuole andare al nido deve essere vaccinato. Idem all’asilo, idem a scuola, altrimenti se ne sta fuori. Non mi chieda dove, perché non ci sono luoghi dove terribili contagi non siano possibili. Lasciamo da parte ogni considerazione sull’illegalità della cosa, sui vaccini somministrati con l’inganno anche senza alcuna obbligatorietà e sulle iniezioni fatte a casaccio al di fuori di ogni buona pratica medica così come di ogni risvolto etico e vediamo che cosa questo comporta. È ovvio che il bambino non vaccinato, oltre la scuola, non potrà frequentare alcun luogo pubblico perché, credo che anche i nostri geni me lo concederanno, il terribile morbillo o la devastante pertosse si possono contrarre anche in piscina, al parco, in spiaggia, in albergo, al ristorante,al cinema,  allo stadio… Ma, se la cosa vale per i bambini emiliani e romagnoli, deve per forza valere per gli immigrati e per i preziosissimi turisti. Perciò, o quelli si presentano ai confini regionali con un certificato di vaccinazione e, mi auguro, con uno che dimostra che gli anticorpi se li sono fatti, o se ne stanno fuori. Trascuriamo i portatori sani perché quelli proprio non esistono nel cervello dei nostri timonieri. Consideriamo, però, che esistono gli stati canaglia che potrebbero emettere certificati falsi. Così non ci resta che mettere lungo il Po, sulle spiagge dell’Adriatico e sui crinali dell’Appennino oltre, che, naturalmente, negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie migliaia di guardie di frontiera armate di siringa che vaccinino chiunque passi di lì. Che cosa accadrà? Noi speriamo sempre nei turisti tedeschi e questi non daranno grandi problemi perché là si vaccina anche lo scaldabagno, ma che faremo con gli austriaci? È vero che, statisticamente, quelli si ammalano molto meno dei vicini tedeschi, però si vaccinano poco. Dunque, fuori! Però quelli portano soldi e, allora, bisognerà trovare un escamotage facendo dire agli immancabili luminari a gettone che la natura si comporta in maniera diversa valutando censo e nazionalità. Va da sé che la circolazione non potrà non essere vietata anche agli italiani che abitano in regioni dove ancora la vaccinazione di regime non è entrata in vigore. E, allora, l’Emilia Romagna uscirà subito da Schengen e diventerà per forza nazione autonoma. Emilia nazione: sorbole!

RD – E gli adulti?

SM – Untori al pari dei bambini. Sarà il passo che faremo per logica conseguenza: o si vaccineranno anche loro, e non mi chieda per che cosa perché nessuno le saprebbe rispondere ma l’importante è vaccinare, o li abbatteremo come polli con l’influenza aviaria. Devo dire orgogliosamente che le cervella fritte sono un piatto tipico nostrano, componente essenziale del gran fritto alla bolognese. Ora noi stiamo coerentemente friggendo anche le cervella umane e di questo ci si dia merito: le tradizioni vanno conservate.

RD – Resto di stucco.

SM – Io ci sarei restato qualche anno fa. Ora non più. Recentemente ho letto un articolo divertente su Repubblica firmato Guglielmo Pepe [http://pepe.blogautore.repubblica.it/2017/05/11/sui-vaccini-una-guerra-piu-politica-che-sanitaria/ (N.d.R.)] da leggere prima che lo censurino. Sono divertenti anche diversi commenti. Secondo l’autore, solo il 2% degli italiani è contrario all’uso dei vaccini. Mi chiedo, allora, che problema ci sia a raggiungere il fatidico 95% di vaccinati per ottenere l’immunità di gregge. Questo prescindendo dall’assurdità non solo del numero, con quel 95 generato dal nulla per il colpo di genio di un personaggio restato senza nome e premiato con un successo senza paragoni, ma del concetto stesso di immunità di gregge: la truffa più incredibilmente riuscita degli ultimi anni. Ammettiamolo: i gonzi sono una risorsa senza fine.

RD – Ho sentito in televisione un medico dire che in Italia migliaia di bambini muoiono di tumore perché non si vaccinano.

SM – Spero non voglia un commento da me. Un esperto di psicologia criminale potrebbe risponderle in modo adatto. La sola cosa che mi chiedo è che cosa faccia la magistratura davanti a chi, per ignoranza, per corruzione o semplicemente perché soffre di qualche patologia della mente terrorizza la gente in una maniera così volgare e pericolosa. A volte penso che le pene corporali eseguite in pubblico potrebbero aiutare. Ma questo lei non lo scriva.

RD – Ora si metta nei panni dell’uomo della strada e mi dica che cosa pensa di un medico che dice in TV una cosa del genere.

SM – Se dal punto di vista medico quello si è reso semplicemente ridicolo, da quello umano non posso altro che parlare della più repellente viltà. Per motivi che non voglio nemmeno sfiorare ma che sono evidentissimi, quello, approfittando dell’immagine che la scatola magica gli dava, ha terrorizzato chissà quante migliaia di genitori approfittando della loro ignoranza e della loro emotività, mettendo in atto il più repellente dei ricatti morali: “Se non vaccini tuo figlio, gli fai venire un cancro.” Naturalmente quel personaggio non offre spiegazioni né dice, ad esempio, contro che diavolo di malattie si deve vaccinare il bambino o quali meccanismi patologici interverrebbero in caso di mancata vaccinazione non importa contro che malattia, ma, evidentemente, la cosa è irrilevante: ciò che importa è compiacere il regime e fare un po’ di business. “Pecunia non olet” diceva Vespasiano. Ciò che puzza, e tanto, sono personaggi come quello.

RD – Cambiamo appena argomento: com’è andata la tavola rotonda sui vaccini di domenica scorsa?

SM – Io sono contrario a questo genere di manifestazioni perché di solito si tramutano in una gazzarra da cui il povero spettatore esce più confuso che mai. Devo dire, invece, che da quello che è stato fatto a Bellaria chi c’era può aver ricavato informazioni interessanti e utili.

RD – C’era gente?

SM – Sì: la sala non era certo piccola ed era piena.

RD – Ci racconti qualcosa.

SM – La prima cosa da dire è che il Comune di Rimini, quello che aveva impedito la tavola rotonda nel suo territorio appena una settimana prima ne è uscito moralmente a pezzi. Nessuno tra i presenti ha neppure fatto cenno a quella vergogna, tanto è valutato il sindaco di quel comune. Poi ci sono stati ottimi interventi dell’avvocato Luca Ventaloro che ha chiarito le idee dei presenti su temi legali, temi a proposito dei quali, come è ormai la norma, in tanti si esprimono senza averne cognizione. È stato divertente ascoltare quali e quanti articoli della Costituzione stia calpestando la signora Lorenzin con la sua furia vaccinista, e questo lasciando da un canto la sua presenza il Parlamento, del tutto incostituzionale. C’è stato il dottor Dario Miedico che venerdì prossimo passerà sotto le forche dell’inquisizione dell’Ordine dei Medici semplicemente perché ha osato fare il medico e non lo scimpanzé ammaestrato o il kapò. Il suo contributo è stato molto personale e così quello di Federica Santi, una mamma, una delle tante, che ha visto massacrare suo figlio dall’uso sconsiderato dei vaccini. Infine c’era Giorgio Rosso, l’editore di Macro e l’organizzatore della tavola rotonda. Anche da lui parole interessanti.

RD – Ci sono state domande da parte del pubblico?

SM – Sì, e ce ne sarebbero state molte di più se ognuna di queste non avesse richiesto risposte complesse e, per questo, lunghe. Quanto a me, io ho ricevuto tantissime domande soprattutto fuori della tavola rotonda, prima dell’inizio, durante l’intervallo e a manifestazione terminata. Tutte domande cui avevo già risposto innumerevoli volte perché la gente non ha voglia di leggere ciò che scrivo ma preferisce farsi servire in tavola ciò che chiede al momento. Devo dire di essere rimasto particolarmente commosso dall’incontro con una ragazzina piena di dignità che il Cervarix, il vaccino anti-Papilloma virus, ha reso cieca da un occhio , massacrata da dolori continui, incapace di concentrazione, di capacità di apprendimento e, dunque, senza futuro vivibile. Una vita sacrificata sull’altare della follia e della corruzione. Mi sarebbe piaciuto che i farabutti che spacciano quella roba per sicura ed efficace fossero presenti e avessero spiegato alla ragazza che lei stava benissimo. Ma, a parte ciò, le confesso che una cosa che mi ha fatto arrabbiare come, del resto, accade sempre, è la pretesa che io vada qua e là a fare conferenze come volontario, regalando a chi mi degna di attenzione il frutto di decenni di lavoro e di sacrifici veri. Quando io faccio notare che da troppi anni mi si spreme come un limone senza degnarsi di dare una pur piccola mano, c’è un momento d’imbarazzo e poi tutto prosegue come se niente fosse. Al massimo mi si fa la domanda più irritante possibile, quella che contiene la goffa giustificazione ad un comportamento che di nobiltà non ha niente: “Ma io, da solo, come privato cittadino, che cosa posso fare?” A parte il fatto che mia moglie ed io siamo dei privati cittadini e abbiamo fatto molto più di quanto tutto l’esercito dei critici sui vaccini ha mai fatto e lo abbiamo fatto sulla nostra pelle, se ognuno alzasse il sedere dalla poltrona e facesse anche il pochissimo che pigrizia e avarizia consentono…

RD – Questione di soldi?

SM – Non solo quelli, anche se i soldi sono importantissimi e sono proprio quelli a farci perdere senza rimedio. L’altro giorno ho sentito che per far venire Obama in Italia gli si è pagato il viaggio in coppia con la moglie, e non certo in classe economica, e l’hotel che non era la Pensione Maria. Il trasferimento italiano della coppia ha richiesto 15 automobili che non erano delle vecchie 128 a metano, gli si sono consegnati 400.000 Euro e, per andare a sentire la mitragliata di banalità che ha detto, si pagava un biglietto da 850 dollari. Ora qualcuno mi dovrà spiegare perché per me non si paga un milione di volte di più perché, pur riduttivamente, al paragone tanto valgo.

RD – Lei si sta arrabbiando.

SM – Sì.

RD – Allora vediamo di toccare un argomento che forse la tranquillizzerà. Diversi giornali tra cui La Stampa hanno pubblicato lo stesso articolo in cui si parla dell’interesse del Codacons e di una Procura per le vostre analisi sui vaccini [http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2017/05/14/ASoeq8OH-sostanze_esavalente_segnalate.shtml (N.d.R.)].

 

SM – Eh, no: qui mi arrabbio forse ancora di più. Da anni io denuncio quelle cose e da anni le cosiddette autorità ne sono perfettamente al corrente. Tutto questo interesse del momento mi puzza tanto di commediola allestita ad arte. Vedrà che il solito luminare di regime concluderà, dall’alto della sua infinita sapienza, che iniettare porcherie è del tutto innocuo. Anzi, se arriva un regaluccio, dimostreremo che fa pure bene.

RD – Come concludiamo questo incontro?

SM – Concludiamo dicendo che da solo non posso più fare la guerra da solo, che dobbiamo liberarci non domani ma oggi di una classe politica alla quale non appiccico nessun aggettivo, che dobbiamo abolire con validità retroattiva l’Ordine dei Medici, che non dobbiamo più accendere la TV sui canali truffaldini, che non dobbiamo più comperare i giornali in cui si pubblicano menzogne, che dobbiamo imparare a scegliere i medici, pediatri in primis, che dobbiamo imparare a leggere i bugiardini…

Vaccini: nessuna guerra, solo più certezze

 Tra vaccini e collanine

Non cadete nel tranello: il signore che vedrete nel video

Non è un comico e nemmeno un personaggio di Charles Schulz: si tratta di un serissimo bigiottiere o gioielliere (no so) la cui virtù preclara è di essere enciclopedico.

Dopo essersi espresso in passato per l’ammaestramento del volgo a proposito di tanti risvolti dello scibile umano e non solo, da qualche tempo questo luminare c’insegna tutto sui vaccini e, soprattutto, bacchetta i cattivacci ficcanaso che vanno a vedere che cosa c’è dentro.

Grazie all’amico medico che ci ha inviato il link, da lui apprendiamo che, a nostra insaputa, le indagini che abbiamo svolto negli ultimi 15 anni sono state ridicolizzate da scienziati di ben altra levatura che non sia la nostra e, a conforto di ciò, cita nomi che più luminosi non potrebbero essere: Roberto Burioni e (udite, villani!) Salvo di Grazia. Probabilmente per modestia i loro curriculum “scientifici” paiono testimoniare la totale assenza di qualunque competenza in materia ma chi sa di filosofia, di Kant in particolare, non ignora che la vera conoscenza è quella a priori, cioè senza bisogno della volgare esperienza. E, infatti, nessuno ha rifatto le analisi se non per scherzo. In fondo, che bisogno ce ne sarebbe? Poi, comunque, il tutto si compensa con pagine e ammonimenti televisivi sostenuti da mammine sotto l’effetto di salvifici psicofarmaci, giornalisti a gettone, politici senza il gravame dell’alfabetizzazione… Insomma: chi potrebbe reggere il passo tra cotanto senno?

Chi, poi, vorrà illuminarsi ancor di più, potrà consultare i testi sacri (siti Internet) citati dal bigiottiere o gioielliere onnisciente. Magari consulti anche i curriculum scientifici di chi esterna ex cathedra da quei siti. Ce n’è uno, quello di una contabile austriaca, che è meraviglioso.

Ma il bigiottiere illuminato non si ferma qui: esterna tutto il suo orrore per la Procura della Repubblica la quale, blasfema che è, pretende di dare un’occhiata ai vaccini. Come un infedele arrivi a tanto non saprei dire né oso ipotizzare. Certo per loro le pene eterne del morbillo nell’aldilà sono il minimo che ci si possa aspettare.

Chi si chiedesse, per caso, il perché si possa temere un’indagine se, come qualunque scienziato sa, i vaccini sono puliti, efficaci e sicuri, ha la risposta pronta: è la bestemmia che scandalizza! E poi, perché spendere tempo e soldi (noi non c’entriamo, sia chiaro) se la nostra commovente ministra della salute ci ha già maternamente e scientificamente rassicurato?

Bandiera bianca

Cari frequentatori di questo ingenuo blog, per pochi che siate, mettetevi il cuore in pace: abbiamo perso.

Storicamente accade: di tanto in tanto, per motivi che ignoro ma che forse equivalgono a quelli di un contagio che colpisce periodicamente una popolazione eliminando i soggetti più deboli, la società è pervasa da un’alluvione incontenibile di follia. Riandando al passato, credo sia difficile trovare via via qualcosa di più folle delle guerre di religione o della caccia alle streghe o della condanna per empietà di chi (Anassagora di Clazomene) affermava che la Luna altro non era se non un enorme pezzo di materia rocciosa. Beh, oggi, vedi i  miracoli del progresso, l’Homo sapiens si è superato. Mescolando mirabilmente ignoranza, denaro, carriera e vanità questo animale autodefinito Signore dell’Universo e fortunatamente unico sta massacrando in ogni modo, compreso quello fisico, qualunque appartenente alla sua zoologia che non sia disposto a farsi iniettare porcherie immonde nell’organismo e, peggio ancora, chi non sia disposto a posare sull’altare del sacrificio i propri figli. Appunto: il progresso.

Il regime di pazzia impone la messa in pratica di misure necessarie al mantenimento dello stato di fatto, a partire dalla violenza fisica, continuando con l’annientamento della libertà di pensiero e di parola, non indietreggiando davanti alla distorsione più grottesca dei fatti e alla censura di dati incontrovertibili, fino, se ce la farà, alla proibizione di accedere all’istruzione scolastica per chi non è docile ai voleri dei personaggi che, con l’inganno perpetrato ai danni della Costituzione, ci “governano”. Quest’ultima contromisura ha il lato positivo di evitare ai bambini “ribelli” di essere rimbecilliti da nozioni stravaganti. E ne ha un assaggio chi ricorda le stramberie cui il regime sottoponeva i ragazzini quando l’impegno dei nostri statisti, non ancora affascinati dai più sicuri vaccini, era quello di costruire tanti inceneritori (“entra monnezza, esce oro”).

Negli ultimi momenti della guerra, i signori dei vaccini sono stati in qualche difficoltà. Mai hanno risposto alle domande mille volte poste; hanno vietato proiezioni di film e convegni; sono stati costretti a dare l’esempio proibendo a un medico di esercitare la sua professione pur non avendo commesso alcun reato; hanno organizzato corsi per i medici con insegnanti degni della rivoluzione culturale di un Mao ormai surclassato; hanno sollevato un pandemonio con la storia dell’infermiera che (forse) vaccinava per finta e, per giustificare la condanna che, come da copione, arriverà, hanno messo in atto una ricerca di prove che, se non altro, dimostra senza discussione il grado di preparazione di chi ha pensato quella roba. Da qualche tempo, inoltre, basta accendere la radio o la TV per essere avvolti dalla propaganda più comicamente squallida sui vaccini, una propaganda molto peggiore di quella delle dittature che tanto condanniamo a parole perché, in questo caso, è anche la salute ad essere rapinata. Si presentano dei fantocci spacciandoli per luminari e da loro si ricevono insegnamenti e condanne che paiono scritte da un Jules Romains in forma. Idiozie? Certo, ma è esattamente ciò che si desidera: tanto il gregge si beve qualunque intruglio e poi ne chiede il bis. A questi guitti si aggiungono coltivazioni di zucche parlanti che, prive della benché minima infarinatura sanitaria, sproloquiano sostenendo tesi che, in altri contesti, potrebbero suscitare risate o  finire con una raffica di calci nei quarti posteriori. A margine, diversi di loro mi definiscono pericoloso, il che è ineccepibile, visto che costituisco un pericolo per il business che li regge a galla. “Molti nemici, molto onore” si diceva un tempo, ma avere nemici di quella levatura non può certo costituire elemento di vanto.

Chi si concentrasse sulla farsa dei vaccini e non andasse oltre perderebbe una fetta in qualche modo interessante della società attuale. Senza che io m’impegni a compilare l’elenco da Leporello delle manifestazioni di demenza in cui stiamo allegramente affogando, qualcuno dia un’occhiata al rogo che per giorni ha allietato il panorama degli abitanti di Pomezia e non solo. Per motivi non ancora spiegati, e dubito che una spiegazione non di comodo arriverà, va a fuoco, restando tale per giorni, una quantità immane di rifiuti la cui maggioranza pare fosse costituita da materie plastiche. Pare che da anni il deposito fosse fuori legge, ma che nessuno si preoccupi della legge fa parte della nostra ragliante itaGlianità. A parte ciò, chiunque abbia qualche nozione di chimica sa che in un intervallo di temperatura che va approssimativamente dai 400 agli 800 °C si formano diossine, una classe di sostanze organiche che annovera innumerevoli molecole diverse, e sa che, in presenza di cloro, cioè di un elemento ubiquo, si forma il più tossico tra tutti i componenti della famiglia, cioè la 2,3,7,8-tetraclorodibenzo-p-diossina. Bene: come già accadde anni fa a Treviso quando ci fu il rogo della De Longhi, per un miracolo che resta un’eccezione in campo chimico, vale a dire in un campo dove le eccezioni non possono esistere, a Pomezia di diossine nemmeno l’ombra. E l’amianto? Sì, perché, stando alle notizie uscite subito e poi cancellate, pare che un po’ di manufatti contenenti quel minerale un tempo utilissimo e sanissimo per volere del regime allora vigente ci fossero (ma non sapevamo che l’amianto è cancerogeno almeno da I secolo dopo Cristo?). Beh, neanche di quello c’è traccia. Ecco, allora, che la signora Lorenzin, ministro (?) della salute (?) tranquillizza tutti, compresi gli agricoltori che potranno mangiare e vendere in piena sicurezza i loro prodotti. Un grazie alla signora Beatrice. Comunque, nessun problema per domani: come avvenne per l’incendio di Fiumicino di cui si ricordano solo i malati che non guariscono, anche questo buffo episodio sarà freudianamente dimenticato.

Mi fermo a questi due esempi e alzo bandiera bianca: abbiamo perso. E con noi hanno perso i vincitori:  i luminari da palliata, i pennivendoli, i politici mai eletti da nessuno e i milioni di pecore con agnelli al seguito che, in piccola parte per costrizione e in gran parte per loro volontà, sono in lista per essere sacrificati.

A questo punto, in attesa di una vittoria fin troppo ovvia fatta di dolore, cioè della dimostrazione che la scienza  e la Natura non ubbidiscono agli ordini, e per tentare disperatamente di evitare quel tipo di vittoria, non resta che una possibilità. Poiché, forse facendo un atto di fede audace, non credo che tutto il popolo faccia parte del gregge o abbia volontà di restarci, occorre che qualcuno si riprenda le chiavi di casa. Insomma, ci vuole qualcuno che voglia riunire intorno a sé i cervelli funzionanti e ne sia capace. Lo so: non è facile. Non è facile perché il regime è penetrato capillarmente ovunque e anche solo informare dell’esistenza eventuale di un’intenzione simile è cosa quanto mai ardua.

Non si pensi che io, in qualche modo, mi proponga come la persona giusta: non lo sono. Non lo sono perché, prima di ogni altra considerazione, mi manca il carburante indispensabile, vale a dire la cosa più squallidamente volgare del mondo: il denaro. Già, per salvare il mondo bisogna pagare.

Non dimentichiamo la condanna dell’ex ministro della sanità De Lorenzo che incassò una tangente di ben 600 milioni di lire dall’industria farmaceutica che produceva il vaccino contro l’epatite B poi reso obbligatorio!

17795706_10213236977709672_2141940713798615688_n

18194226_1328713883871003_8861233043764930910_n

I morti per morbillo erano quasi azzerati ancor prima dell’introduzione del vaccino!

INFORMATEVI CAZZO!!!!!

vaccinazioni-pericolose-o-no_m1

Guerra contro la vita: Il triste business del cancro!

Vaxxed: il film-documentario censurato dai nostri governanti. In prima linea la DIPLOMATA ministra della salute italiana beatrice Lorenzin!

Vaccini: Catania, morto bambino alcuni giorni dopo la somministrazione del vaccino anti-meningite!

AGGIORNAMENTO 20.05.2017

Come sospettavamo ieri si rischia davvero la sospensione della patria podestà. Se non sono atti di guerra questi… 

Che coincidenza… Italia capofila per le strategie vaccinali a livello mondiale 29.09.2014

 Screenshot_20170520-220725

Screenshot_20170520-221410

18556618_653779691487787_2972835443010757676_o

 

 

18620209_1346246495451075_7392677815219682540_n

AGGIORNAMENTO 21.05.2017

18556187_1355938697818711_459422218524573654_n

18527161_525455824511550_2859320120405362476_o

18622237_10211341978299417_2795155990224119555_n

Avvocato Marcello Stanca

Ministra Beatrice Lorenzin, eccomi!!
Ti aspetto in tutti i Tribunali d’Italia dove hanno condannato 600 volte il Ministero della Salute per i danni provocati da vaccinazioni .
Prendo atto che ascolti soltanto i magistrati e non sai ascoltare i genitori, sei brava soltanto ad umiliarli! Hai messo in dubbio che le mamme consapevoli, scrupolose e prudenti, abbiano amato i propri figli e siano state capaci di donare loro la salute! Sei sorda ai battiti del cuore, anzi, non hai davvero il cuore!! Non sei una mamma!! Sei vuota dentro!! Ci vediamo in Tribunale Ministra! Dovrai chiedere scusa a tutti i genitori!! Verranno tutti in piazza a Roma!! Avrai il coraggio di guardarli in faccia? Dovrai dimetterti per disumanitá!! 

Genitori, potete inviare vostri commenti alla Ministra senza cuore ed esprimere la vostra indignazione all’indirizzo

dgpob@postacert.sanita.it

18519660_1355028711243043_6120966839821309317_n

Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali

Firmata a Roma il 4 novembre 1950 ratificata dall’Italia con legge 4 agosto 1955 n. 848.
LEGGE DELLO STATO, ricordo Quindi non trattiamo di meri “accordi internazionali pattizi”, ma di una legge che VIGE nel nostro ordinamento, in quanto RECEPITA.

Articolo 3 – Divieto della tortura.
Nessuno può essere sottoposto a tortura né a pene o trattamenti inumani o degradanti.

Articolo 8 – Tutela della vita familiare
1. Ogni persona ha diritto al rispetto della sua vita privata e familiare, del suo domicilio e della sua corrispondenza.
2. Non può esservi ingerenza di un’autorità pubblica nell’esercizio di tale diritto a meno che tale ingerenza sia prevista dalla legge e costituisca una misura che, in una società democratica, è necessaria alla sicurezza nazionale, alla pubblica sicurezza, al benessere economico del paese, alla difesa dell’ordine e alla prevenzione dei reati, alla protezione della salute o della morale, o alla protezione dei diritti e delle libertà altrui.

C’è minaccia per la sicurezza nazionale?
– Bene, vaccinate obbligatoriamente TUTTI gli immigrati che avete fatto entrare, metteteli in quarantena perchè sono in grandissima parte INFETTI e non fatene entrare ALTRI.

C’è minaccia per la pubblica sicurezza?
– NO. Parliamo di bambini o mi sbaglio?

C’è minaccia per il benessere economico del Paese?
– Ahahahahaha!

C’è un ostacolo all’ordine pubblico e alla prevenzione di reati?
– Aahahahahah!

C’è minaccia alla protezione della salute?
– Siamo in piena epidemia? Dove sono i dati?
E se così fosse (ma non è!)

PERCHE’ CHIEDETE AI GENITORI DI FIRMARE IL CONSENSO INFORMATO PER LE VACCINAZIONI??

Se ci fosse EPIDEMIA in corso, non ne avreste bisogno, o no?
I trattamenti sanitari e le vaccinazioni sarebbero COATTIVI e A TAPPETO.

SIAMO IN GUERRA???
Allora ditelo, no?

QUINDI, SE NON è ZUPPA, è PAN BAGNATO
SIETE TUTTI REI DEL REATO DI PROCURATO ALLARME, come minimo!

http://www.brocardi.it/codice-penale/libro-terzo/titolo-i/capo-i/sezione-i/art658.html

…..e non da OGGI!

http://www.tribupress.it/meningite-inchiesta-della-procura-catania-procurato-allarme-abuso-atti-dufficio/

I DANNI DA VACCINO SONO FALSI, QUELLI VERI SONO SECRETATI E LE RUOTE DEL SILENZIO SONO BEN UNTE DALLE RICCHISSIME MULTINAZIONALI DEL FARMACO

I VACCINI SONO FARMACI e in quanto tali VANNO CONDOTTE PER ANNI E ANNI sperimentazioni in DOPPIO CIECO per valutare se sono più SANI e IN SALUTE i bambini vaccinati, di quelli NON vaccinati
QUESTI STUDI NON SONO MAI STATI CONDOTTI

I numeri delle morti improvvise, dei quadri autistici insorti a poche ora dalle vaccinazioni sono SPAVENTOSI e lo dimostrano anche le sentenze risarcitorie emesse in tutto il Mondo, Italia compresa.

SUI VACCINI NON CI FANNO CONOSCERE LA VERITA’
IL CONSENSO INFORMATO è QUINDI ESTORTO A FORZA, ORA SULLA BASE DI UN VERO E PROPRIO RICATTO
e NON può essere considerato giuridicamente VALIDO

NON FIRMATELO MAI
Piuttosto NOTIFICATE VOI AI SANITARI E AI MEDICI UN CONSENSO INFORMATO E PRESA IN CARICO DI PIENA RESPONSABILITA’ DELLE CONSEGUENZE EVENTUALI DELL’ATTO VACCINALE.

PERCHE’ LI DOVETE TRASCINARE IN GIUDIZIO, se mai questo sfortunatamente accadesse

PER QUESTO, OBIETTATE, OBIETTATE E NON SMETTETE DI FARLO, finchè non verranno condotti STUDI IN DOPPIO CIECO LUNGHI ED ATTENDIBILI, SU SCALA NUMERICA VALIDA, IN VARI PAESI E SU VARIE ETNIE

PERCHE’ I VACCINI SONO FARMACI
E COME TALI, VANNO TESTATI CON OGNI RIGUARDO

e siccome dicono di PREVENIRE, non curano una malattia conclamata, e quindi non sono ASSOLUTAMENTE NECESSARI, abbiamo tutti la facolta’ di recedere da questa PROPOSTA DI CONTRATTO, che di fatto è una COERCIZIONE ESTORTA

RICORDO CHE LA VACCINAZIONE è UN ATTO SANITARIO INVASIVO….
VIENE INOCULATO UN PREPARATO NEL NOSTRO CORPO.

DIRITTO ALL’AUTODETERMINAZIONE TERAPEUTICA

LEGGETE!

http://www.altalex.com/documents/news/2008/10/24/limiti-al-diritto-all-autodeterminazione-terapeutica-e-diritto-a-morire

Kris Ty

Finora…Sono stata in silenzio
Non ho denunciato niente e nessuno, ho preso la mia strada x lasciarmi quest’esperienza chiusa nel passato.
Ma adesso mi avete portato in “guerra” e quindi io combatto e combatterò fino alla fine.

8 marzo 2016
Questo è il video testimone della reazione avversa su Iris, una delle mie bambine gemelle.
L’altra figlia, Margot, dopo gli stessi vaccini ha avuto anche lei reazione avversa con grossi sfoghi cutanei e febbre, per due mesi aveva inguine e pancia che sembravano ustionati.
Quell’8 marzo stavo facendo un video delle bambine per mio marito, ignara di quanto sarei riuscita a riprendere e testimoniare…proprio in quel momento Iris ha avuto questa crisi, la prima dopo il vaccino esavalente e meningite C somministrato dal “mio” pediatra 5 giorni prima…
Appena preso “coscienza” di quanto successo ho inviato lo stesso video a mia madre e al pediatra i quali mi hanno detto di correre subito al pronto soccorso.
In totale “zero lucidità” sono andata al Meyer di firenze, in accettazione ho semplicemente fatto vedere il video e ricordo solo che in meno di 5 minuti mi sono ritrovata con Iris ricoverata in neurologia, attaccata a ecg per 72 ore, legata a soli 15 mesi ad un lettino con medici, specializzandi e riunioni collegiali di decine di medici che venivano a visitarla senza darsi loro stessi un “perché” a quelle crisi.
Hanno iniziato a supporre, prima tumore al cervello, poi lesione genetica dalla nascita alla parte destra del cervello …supposizioni su supposizioni che ci facevano morire dentro secondo dopo secondo. La mia bambina sempre stata allegra e sana si ritrovava ora così. Iniziano i primi risultati, la tac esclude tutto …le analisi idem…loro non vogliono affrontare il discorso “ha fatto il vaccino 5 giorni fa”…mi liquidano ogni volta che accendo la parola “vaccino”
…ci dimettono con un semplice “crisi epilettiche” e un iter di 5 anni di day Hospital e medicine da seguire.
Io resetto tutto. Mi porto la mia bambina a casa e con il cuore di mamma che sa che la causa è il vaccino decido di percorrere un’altra strada…omeopatia, antidoto ecc..
Ne siamo usciti…in modo doloroso ma almeno spero di poter escludere quanto di peggio poteva accadere.
Ma restano i giorni che ci hanno segnato X sempre, restano le paure di come potrà comunque essere in futuro, resta il non potersi più affidare ingenuamente e ignorantemente alla medicina.
Resta che io mia figlia non posso e non voglio più vaccinarla perché troppo grande è la paura di poter rivivere quei giorni infiniti.
E allora cara “ministra” ci dica lei, ci dica lei a cosa dobbiamo appellarci? Devo vietare alle mie figlie di frequentare i loro coetanei ? Di crescere e di vivere esperienze?
A settembre entreranno alla materna, è un loro diritto e lei ci sta violando la libertà di pensiero, di crescita e di vita.
Mi stanno facendo riemergere la rabbia e il dolore ma peggio ancora stanno offuscando il futuro dei miei figli.
Non lo permetto!

Vi chiedo di condividere questo post per sensibilizzare e per far capire che le reazioni avverse esistano !Ci vuole cautela ! Documentatevi, fate analisi ai vostri figli prima di ogni vaccino! Questo avrebbe dovuto dire la legge!
Ho deciso di espormi con i fatti e non con tanti discorsi, io che ho taciuto fino a ieri, io che ho vaccinato e le mie figlie sono state l’ennesime vittime dei vaccini, io adesso mi faccio sentire.

Cristina
Mamma di Iris, Margot (25 mesi) e di Lorenzo Leon (quasi 6 anni)
Mamma che ha vaccinato e che dal vaccino ha imparato cosa sono gli effetti collaterali e le reazioni avverse.

 

espresso cupola vaccini 02

 

10.11.2015: LA VACCINAZIONE E’ UN IMBROGLIO DI TANGENTI!

vaccinazione-370x210

Cos’è una vaccinazione? – Risponde il Dr. Flavio Bianchi

VACCINI

Che cos’è una vaccinazione? Una stimolazione ripetuta ed intensa degli organi linfoidi. Cosa accade? Si introduce un antigene (proteina virale purificata), che provoca l’attivazione del sistema complementare. Sono una ventina di proteine circolanti e di membrana, essenziali nel meccanismo di difesa umorale contro gli agenti infettivi. Questo comporta il reclutamento di varie cellule immunocompetenti, monociti, macrofagi, polinucleati, linfociti B e T. In seguito alla risposta immunitaria si formano anticorpi che si legano all’antigene relativo con formazione di immunocomplessi circolanti.

Nasce già la prima domanda: Dove vanno?

Seconda domanda? Conosco la codificazione genetica del sistema del complemento di quel bimbo?

Perché tutti dovrebbero sapere che le proteine del complemento C2 e C4 hanno a che fare con il Lupus, la C3 con infezioni fatali, la C5 è 6 con la meningite, la C1 con l’edema angioneurotico. Ovviamente non esiste nessun screening di cautela. Secondo aspetto. Queste proteine purificate da sole sono scarsamente immunogeniche. Vuol dire che da sole non bastano ad indurre una risposta immunitaria.

Allora che si fa? Si sporca il vaccino. Quasi nessuno sa che al fine di avere una risposta immune è necessario un espediente che si chiama Adiuvante di Freund.

Si mescola la proteina purificata con una emulsione di olio minerale e batteri della tubercolosi uccisi al calore, emulsionati con lanolina e formaldeide. Perché questo è importante? Perché un aggregato con tubercolina passa nel nucleo cellulare. E’ questo che induce reazione antigene anticorpo e che produce alfa e gamma globuline del siero. Si induce una enorme ossidazione dell’intero sistema che è la coordinata principale del terreno canceroso e leucemico.

Mi sono interessato alle vaccinazioni per ovvie ragioni genitoriali visto che ho tre figli.

10 giorni dopo l’inoculazione del vaccino (trivalente, esavalente) abbiamo una caduta della conta linfocitaria in tutti i bambini, una riduzione della capacità fagocitante dei neutrofili e iperproduzione di Ig E. Si forma nel sangue un aggregato di antigeni e proteine del complemento circolanti per tutta la vita. E’ interessante notare dal piano vaccinale che nei primi mesi vengono somministrati solamente vaccini inattivi, per il fatto che il livello di anticorpi naturali è ancora molto basso. Il massimo viene raggiunto a 14 anni. Durante la gravidanza, nella placenta è presente una condizione immunitaria di tipo 2 (il monossido di azoto non viene prodotto), vale a dire che le cellule T nella placenta producono in grande parte citochine del tipo 2.

Perché?

Perché se in gravidanza si producessero prevalentemente citochine del tipo 1, avremmo la morte precoce del feto (rigetto). I vaccini vivi, come MPR generano reazioni acute del tipo 1, vengono catturati dalle cellule dendritiche, ma essendo il sistema tarato sul tipo 2 non è in grado di reagire e i virus insediati all’interno delle cellule vengono congelati, soppressi temporaneamente. Ricordo che il tipo 1 ci difende dai tumori, oltre che dai virus.

Questo è l’inizio del percorso verso la predisposizione alle malattie autoimmuni e al cancro.

La vaccinazione di massa parte dal presupposto che la reazione di ogni bambino, alla somministrazione del vaccino sia uguale per tutti perché nel periodo neonatale l’organismo è tollerante verso gli antigeni con i quali viene in contatto.
Peter Medewar, inglese, ebbe il premio Nobel negli anni 40 per l’esperimento, da cui il dogma, per cui se al neonato vengono inoculate delle cellule infettive di una qualche malattia il sistema dovrebbe reagire con un rafforzamento del sistema immunitario, imparare cioè a riconoscere l’antigene o l’agente patogeno come conseguenza della vaccinazione. Come l’organismo, di fronte a 55.000 proteine diverse riesca a fare questa distinzione è considerato un mistero. Dal 1994 questo dogma è caduto.
Con una vaccinazione, si ha una iperstimolazione delle cellule dendritiche e delle cellule T citotossiche causando notevoli danni all’organismo. In particolare, i vaccini vivi attenuati, hanno la capacità di penetrare le cellule dendritiche e quindi stimolare le cellule T con eccessiva produzione del gas Monossido di Azoto che darà origine a fenomeni infiammatori, come per esempio la Meningite asettica. Inoltre a causa della memoria immunitaria il sistema, nel corso della vita, di fronte a qualsiasi virus risponderà con una iperstimolazione delle cellule T e diventerà perciò la causa diretta di Malattie Autoimmunitarie. Le cellule dendritiche sono geneticamente espresse e sono decisive nel caso dei trapianti. Questo, che si chiama MHC (maggior complesso di istocompatibilità), è diverso da persona a persona, tranne che nei gemelli identici.
La reazione agli agenti esterni, siano esse tossine, organi trapiantati, vaccinazioni, sono quindi individuali: nessuno avrà la stessa reazione a delle sostanze estranee.
Cento anni fa solo il 10% della popolazione era affetta da tumori, oggi siamo al 35% ed entro il 2030 saremo al 50%.

Stiamo violentando continuamente il nostro sistema immunitario.

Non ci siamo accorti, ma oggi lo sappiamo, che con le vaccinazioni e gli antibiotici, abbiamo alterato la catena di respirazione mitocondriale, la sede della produzione dell’energia, con una commutazione permanente verso la forma di produzione fermentativa, senza cioè l’utilizzo di ossigeno. Questo non significa altro che una cellula tumorale diventa un parassita cellulare, perché ha bisogno di quantità enormi di glucosio. I geni dei mitocondri non possiedono meccanismi di riparazione, rispetto ai geni protetti all’interno del nucleo della cellula.

Questi geni mitocondriali danneggiati, oppure mutati, sono trasmessi solo per via materna alle generazioni successive.

Fra tre generazioni il numero dei geni danneggiati sarà superiore ai geni intatti. La mia risposta è una sola… o cambiamo… o muoriamo.

Dottor Flavio Bianchi: ecco che cos’è una vaccinazione e i danni che provoca

18519812_1466933700036117_3360363938275315828_n

 

 

 

 

Annunci